La Maratona di Pisa ha un nuovo Title Sponsor: Cetilar. Obiettivo superare le 5.000 presenze nella prossima edizione

PISA – La Maratona di Pisa prepara la sua XXI Edizione partendo da una importante base, costituita da un accordo biennale con la società Pharmanutra Spa che, attraverso il suo prodotto Cetilar, diviene un “Title Sponsor”, assumendo pertanto la denominazione ufficiale di “Cetilar Maratona di Pisa“, evento calendarizzato per il prossimo 15 dicembre 2019. 

di Giovanni Manenti 

Di tale accordo e di altre novità è stata data notizia agli Organi di informazione presso la Terrazza del Grand Hotel Duomo, alla presenza, oltre che dei diretti interessati, anche della Vice Presidente della FIDAL Ida Niccolini e del Consigliere Comunale nonché Presidente della Terza Commissione per lo Sport ed il Turismo Maria Punzo. 

Una collaborazione, quella con Cetilar – che lo scorso anno, ricordiamo, aveva sponsorizzato la “Half Marathon” avendo modo di prendere visione dell’ambiente del Fondo sul territorio pisano – che si prefigge di unire all’aspetto puramente sportivo anche quello scientifico, dato il supporto e l’assistenza che verranno fornite ai partecipanti, nel mentre gli organizzatori mantengono il proprio obiettivo di fare della Maratona di Pisa (che già lo scorso anno ha scalato tre posizioni nel Ranking nazionale, collocandosi al settimo posto tra le Maratone Internazionali d’Italia) un evento che funga da volano anche da un punto di vista di attrazione turistica e commerciale, proponendo a coloro che verranno partecipare un pacchetto di offerte grazie anche alle intese con.l’Opera della Primaziale Pisana.

Tutto questo, attraverso una capillare opera di promozione tesa a raggiungere più Paesi possibili, avendo a tale scopo predisposto un apposito trailer, così come aperto un sito www.cetilarmaratonadipisa.com dove è altresì possibile sin da oggi iscriversi alla gara, con i relativi sbocchi social, con la fondata speranza di superare le partecipazioni record di 5mila presenze complessive (tra Maratona, mezza Maratona, 14, 7 e 3 chilometri) della scorsa edizione e soprattutto delle 2000 unità iscritte alla Maratona vera e propria.

“È un’iniziativa che vede FIDAL vicina a tutti gli organizzatori di Maratone ed io in particolare come Pisana sono orgogliosa che una grande azienda come Pharmanutra abbia deciso di sponsorizzare la Maratona di Pisa – afferma orgogliosa Ida Niccolini – per aiutarla a crescere dal settimo posto raggiunto lo scorso anno, con l’augurio che la 21.ma edizione in programma a metà dicembre prossimo possa superare i record del passato, concludendo che sono altresì legata anche alla Maratonina in quanto come tecnico alleno ancora ed una mia ragazza ha vinto una prova del genere negli Stati Uniti”.

“Porto i saluti del Sindaco e dell’assessore Pesciatini e come Amministrazione siamo particolarmente vicini a questo evento sia dal punto di vista sportivo che come polo di attrazione turistico e commerciale – afferma Maria Punzo –  faccio i miei complimenti agli organizzatori che lavorano incessantemente per garantire la migliore riuscita possibile della manifestazione che sta già crescendo anno dopo anno”.

“Siamo oramai un’azienda presente in molti continenti ma nondimeno siamo stati sempre legati al territorio nazionale e soprattutto interessati al settore sportivo – dice Germano Tarantino – ed in particolare verso i runners attraverso il prodotto Cetilar e pertanto crediamo che il modo migliore per farsi conoscere sia non solo dare un supporto economico ma partecipare in prima persona contribuendo ad aiutare gli atleti con supporto medico e sanitario, certi di riuscire a fare un buon lavoro”.

“Questo è il primo anno in cui la Maratona ha un Title Sponsor – afferma Simone Ferrisi – e per noi vuol dire avere raggiunto un obiettivo di visibilità ma che deve rappresentare un punto di partenza e non di arrivo poiché la nostra ambizione è quello di crescere sempre più e per noi valorizzare il territorio significa valorizzare le nostre eccellenze in quanto noi crediamo che chi viene a Pisa per disputare la Maratona debba anche apprezzare tutto ciò che di bello Pisa può offrire, sia dal punto di vista artistico così come culturale ed enogastronomico”.

By