La nuova Via Santa Maria si presenta

PISA – Conto alla rovescia per la fine della lastricatura di via Santa Maria: finalmente uno degli accessi alla piazza più bella e conosciuta del mondo sarà all’altezza della situazione.

image

Siamo ormai agli ultimi giorni di cantiere, intanto la via ha già assunto un altro respiro ed è molto apprezzata da pisani e turisti. Continua la tendenza che vede sempre più visitatori, una volta ammirate le incomparabili bellezze di piazza dei Miracoli, dirigersi a scoprire il centro di Pisa, da piazza dei Cavalieri ai lungarni, fino al murale di Haring. Contemporaneamente si sta concludendo anche la riqualificazione di piazza Cavallotti. Iniziati il 22 settembre, i lavori sono sempre stati in linea con il cronoprogramma, tenendo conto che al progetto iniziale si sono aggiunte alcune migliorie come la lastricatura del lato ovest di piazza Cavallotti e l’allacciamento alle fognature dei privati.

Pedonalizzazione e nuova viabilità. Alla fine dei lavori (lasciando il tempo necessario per l’assestamento della pavimentazione) cambierà la viabilità nella zona, per consentire di utilizzare al meglio e preservare la nuova via Santa Maria. Un altro tassello della riqualificazione del percorso pedonale Stazione-Duomo. In particolare via Santa Maria diventerà pedonale: nel tratto tra piazza dei Miracoli e via Galli Tassi sarà permesso il passaggio a residenti e commercianti solo tra le 7 e le 9.30. Mentre cambia il senso di marcia nel tratto tra piazza Cavallotti e via Galli Tassi che sarà pedonale dalle 9.30 alle 20 (alle 19 nel semestre invernale); questo secondo tratto sarà percorribile anche nell’orario giornaliero dai taxi ma solo se devono prendere o lasciare passeggeri all’interno dell’area pedonale. Verranno installati dissuasori a scomparsa. Il tutto sarà monitorato con cadenza semestrale. Il nuovo piano della viabilità è il risultato delle riunioni tra l’assessore alla mobilità Giuseppe Forte, i residenti e il consiglio territoriale di partecipazione.

image

Facciate dei palazzi ripulite dai cavi elettrici. Grazie all’impegno di Enel insieme alla riqualificazione della lastricatura di via Santa Maria sono state posizionate le nuove linee interrate, dotate di elementi di ottimizzazione tecnologica che consentono completa telegestione del sistema elettrico. Questo ha permesso di eliminare dalle facciate dei palazzi ben l’80% dei cavi elettrici (il restante 20% è legato alla presenza dei quadri elettrici nei palazzi privati). A questo si aggiunge che il Comune ha sostituito le vecchie padelle dell’illuminazione pubblica, agganciate ai palazzi con cavi sospesi, con nuove e più gradevoli lanterne. Per capire il risultato basta confrontare una foto prima e dopo.

Riqualificazione e maggior decoro urbano. Insieme all’intervento di lastricatura, il Comune ha messo in atto una strategia per accrescere il livello di qualità estetica, decoro, salvaguardia e miglioramento del patrimonio edilizio esistente. Un passo avanti per una città ordinata, pulita, piacevole per chi la vive e per chi la visita. Ciò prevede l’adeguamento da parte di esercizi pubblici e abitazioni private a un piano estetico globale, a un progetto che detti linee guida valide per tutti. In un contesto dall’alto profilo storico e artistico anche questo significa contribuire al pubblico decoro. Il regolamento è il secondo ad essere redatto, dopo quello per Corso Italia anch’essa riqualificata con la nuova lastricatura.
Facciate – quando si ristruttura un palazzo il proprietario dovrà scegliere il colore originario dell’edificio o, dove non fosse possibile, un colore in linea con le indicazioni contenute nel regolamento e mai uguale al colore dei palazzi a fianco.

Negozi ed esercizi pubblici – Bacheche, condizionatori, espositori devono essere collocati entro il filo interno della muratura del vano apertura. Le insegne devono essere collocate all’interno del riquadro dell’apertura del fondo e non possono essere a bandiera. Anche le tende devono essere di un certo tipo e con certi colori: rosse mattone per ristoranti e bar, marrone cru per i negozi, verdi per farmacie e uffici pubblici. Grazie alla collaborazione dei commercianti, alla fine dei lavori già il 95% di tende e insegne sono in linea con le prescrizione e il restante 5% si sta adeguando. D’altronde nel momento in cui la zona diventa pedonale la visibilità aumenta per le attività commerciali. Come si può già vedere nei tratti di strada terminati, chi passeggia ora può più tranquillamente soffermarsi a osservare o visitare i negozi e i locali con la tranquillità che può dare un’area pedonale rispetto ad una strada trafficata

Arredo urbano – Sono stati installati i nuovi cestini sospesi predisposti per la raccolta differenziata. Posizionate nuove panchine e una nuova fontana di fianco alla chiesa

You may also like

By