La Prefettura denuncia venti casi di usura di cui solo uno denunciato

PISA – “Negli ultimi due anni si è avuta conoscenza di soli 20 casi di usura, di cui uno solo a seguito di denuncia presentata dalla vittima”. Lo ha detto il Prefetto di Pisa Francesco Tagliente intervenuto oggi all’incontro su “L’accesso al credito in Provincia di Pisa” organizzato dalla Camera di Commercio.

“Benché ci sia stata una sola denuncia – ha aggiunto il Prefetto – i dati relativi ai canali forse “impropri” di accesso al credito da parte delle aziende in difficoltà, pubblicati dall’Osservatorio, confermano l’ipotesi che il fenomeno dell’usura nella provincia di Pisa sia molto diffuso. Si fa chiaramente riferimento all’usura di vicinato, quella “della porta accanto”, meno preoccupante di quella gestita della criminalità organizzata, ma parimenti insidiosa e problematica per le difficoltà a farla emergere, anche perché la vittima individua nel carnefice la persona che lo sta tenendo in vita dal punto di vista economico”.

“Tutto questo – ha concluso Tagliente – impone una maggiore tutela dell’economia legale, da tempo all’attenzione delle Istituzioni. La grave crisi che ha colpito l’economia nazionale e la valutazione generale che la provincia di Pisa soffre meno delle altre ci ha imposto un’attenzione particolare con varie iniziative antimafia (desk antimafia, protocollo con Sindaci e Camera del commercio e seminario sul Codice antimafia) per stringere le maglie della rete di protezione dell’economia e allontanare gli appetiti di aziende colluse dal territorio pisano”.

By