La Rsu Fiom annuncia una serie di scioperi a partire da venerdì mattina

PONTEDERA – La Rsu Fiom della Piaggio di Pontedera ha programmato una serie di scioperi, a partire da venerdì per convincere l’azienda ad avviare un confronto sindacale teso a migliorare le condizioni lavorative dei dipendenti.

Lo rende noto una nota del sindacato nella quale non mancano le critiche rivolte a Fim e Uilm. ”La Piaggio, che incassa milioni di sgravi contributivi con la solidarietà, non ha voluto rinunciarvi – afferma la Rsu Fiom – ma aveva bisogno di una firma sindacale e Fim e Uilm hanno prontamente obbedito. L’accordo firmato è per gli operai il peggiore possibile: la produzione si farà con gli interinali e i sabati lavorativi obbligatori per tutti. La Piaggio avrà ancora gli sgravi contributivi per il futuro e contemporaneamente intascherà tutto il guadagno dell’incremento produttivo sulla due ruote”. da qui la decisione di intraprendere la strada degli scioperi proprio per colpire la produzione e convincere la Piaggio a intavolare una trattativa, richiedendo soprattutto il pagamento immediato dei 1200 euro del premio 2013.

entrata Piaggio

”E’ il momento di scioperare e colpire seriamente la produzione – conclude il sindacato – perciò, insieme allo sciopero dello straordinario, abbiamo deciso un programma di scioperi a partire da domani”. INCOMINCIAMO GLI SCIOPERI Lavoratori, al presentarsi delle esigenze produttive, le contraddizioni dei Contratti di Solidarietà sono esplose come prevedibile. La Piaggio, che incassa milioni di sgravi contributivi con la Solidarietà, non ha voluto rinunciarvi. Aveva però bisogno di una firma sindacale e FIM e UILM hanno prontamente obbedito. L’ACCORDO FIRMATO DA FIM E UILM È PER GLI OPERAI IL PEGGIORE POSSIBILE: la produzione si farà con gli interinali e i sabati lavorativi obbligatori per tutti; la Piaggio avrà ancora gli sgravi contributivi per il futuro e contemporaneamente intasca tutto il guadagno dell’incremento produttivo in 2R.

PER I LAVORATORI NIENTE Proprio sapendo che FIM e UILM avrebbero comunque firmato, nelle trattative la Piaggio ha rifiutato di prendere in considerazione le rivendicazioni decise in un Assemblea con sciopero il 23 Aprile scorso: Riconoscimento dei premi di produzione per gli anni scorsi Trasformazione in full-time dei part-time verticale. Di fronte alle esigenze produttive della Piaggio si poteva e si doveva contrapporre le nostre richieste. Avevamo la possibilità di trattare finalmente da una posizione di forza: se la Piaggio rifiutava si scordava la produzione e i guadagni. FIM e UILM hanno svenduto come sempre i nostri interessi. La firma dell’accordo è stata contestata con un secondo sciopero, e nell’Assemblea sono state ribadite le rivendicazioni e dato mandato a noi delegati FIOM di indire le azioni di lotta necessarie per costringere la Piaggio alla trattativa e ottenere quanto ci spetta, a partire dal pagamento immediato dei 1200 euro del premio 2013. Se vogliamo migliorare la nostra condizione dobbiamo ritrovare la massima unità su questi obiettivi prioritari che riguardano tutti, fissi, PTV e CT. Le necessità produttive della Piaggio creano le condizioni più favorevoli per le nostre lotte. E’ il momento di scioperare e colpire seriamente la produzione. Come RSU FIOM, INSIEME ALLO SCIOPERO DELLO STRAORDINARIO, ABBIAMO PERCIO’ DECISO UN PROGRAMMA DI SCIOPERI A PARTIRE DA DOMANI VENERDÌ 23 MAGGIO.

Fonte: Rsu FIOM Piaggio

You may also like

By