La schermitrice Martina Batini riceve il Premio Donna Pisa 2014

PISA – Questa mattina, presso la Sala Regia di Palazzo Gambacorti, il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha consegnato alla schermitrice Martina Batini il “Premio Pisa Donna 2014”, giunto alla sua XXVIII Edizione.

di Giovanni Manenti

Come precisato dalla Relatrice Marilù Chiofalo, quella odierna rappresenta la prima parte del premio, poiché analogo riconoscimento verrà assegnato, il prossimo 16 aprile, alla Dr.ssa Fabiola Gianotti, prossima Direttrice del CERN di Ginevra, per la categoria “Donna nelle scienze”.

image

Nel leggere le motivazioni che hanno portato alla scelta di Martina Batini, la Dr.ssa Valeria Di Bartolomeo, Presidente del Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità, ha evidenziato come le stesse siano state ricondotte sia agli eccellenti risultati ottenuti nell’ambito sportivo nel corso dell’anno 2014 (due argenti individuali e due ori a squadre sia agli Europei che ai Mondiali di fioretto) che per l’aver conseguito, a dicembre, il Dottorato Magistrale in Ingegneria Gestionale, con ciò dando dimostrazione di come sia possibile coniugare l’attività sportiva con quella didattica, raggiungendo in entrambi i campi risultati straordinari grazie all’impegno ed al sacrificio. (LA FOTO SOPRA E’ TRATTA DA PISAINFORMAFLASH.IT)

Al termine della cerimonia la Batini – che nel ricevere il premio non aveva mancato di ringraziare il Corpo Guardie Forestali dello Stato, presente con il Comandante Provinciale Anna Fadda, di cui fa parte dall’anno 2008 – comprensibilmente emozionata, ci ha riferito di aver molto apprezzato il riconoscimento ottenuto, soprattutto perché mai, sinora, le erano state assegnate benemerenze come “donna” e, di conseguenza, si auspica che ciò assuma la sorta di un messaggio positivo per tutto l’universo femminile – pisano in primis – per ottenere ulteriori affermazioni in campo sportivo e non.

Per quanto attiene ai prossimi impegni, Martina, attualmente ferma per un leggero infortunio, riprenderà a tirare il 1. maggio in Coppa del Mondo, prima gara valida per la definizione del ranking per l’assegnazione dei soli due posti a disposizione per la gara individuale di Fioretto femminile alle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, in cui le sue più agguerrite avversarie sono le altre italiane Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Valentina Vezzali (che non vuol saperne di smettere …), con le quali peraltro conferma di aver un ottimo rapporto al di là della ovvia rivalità sportiva in pedana, dove emergono anche componenti caratteriali e di agonismo che mai hanno fatto difetto a Martina, come ci ha ribadito il Maestro Enrico Di Ciolo, il quale si può dire che abbia seguito Martina sin dall’infanzia, essendo entrata a far parte della “Scuola di Scherma Di Ciolo” in tenera età e manifestando subito di avere nel proprio DNA quelle caratteristiche che l’hanno poi portare a scalare le vette della sua disciplina sportiva. Un grande abbraccio e tanti “in bocca al lupo” Martina: che tu possa proseguire la tradizione schermistica pisana ai più alti livelli olimpici e mondiali.!!

You may also like

By