La tavola rotonda all’Abitalia Tower Plaza sulla tessera del tifoso

PISA – Si è svolta in un affollata “Ribot Room” dell’Abitalia Tower Plaza di Barbaricina l’incontro “La tessera del tifoso, il daspo, il decreto Amato: prospettive, applicazioni, riflessioni e sviluppi“.

Davanti ad un discreto numero di tifosi hanno esposto le loro teorie riguardo le restrizioni di ingresso all’interno degli stadi il Dott. Roberto Massucci vice presidente dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive del Viminale, il Dott. Minniti, l’Avv. penalista il Dott. Lorenzo Contucci, uno dei massimi esperti in materia di anti-violenza ed il prefetto di Pisa il Dott. Francesco Tagliente. Hanno moderato la serata i principali organizzatori di questo atteso dibattito l’Avv. Andrea Bottone e il giornalista de “Il Tirreno” Antonio Scuglia. Presenti al dibattito anche il presidente dell’Ac Pisa 1909 Carlo Battini con la figlia Carla e il Direttore Generale Fabrizio Lucchesi.

Il primo a prendere la parola è stato il Dott. Roberto Massucci che ha messo in evidenza le percentuali dai dati del Viminale della carenza degli incidenti dal 2007 (l’anno dell’uccisione di Raciti in quel tragico Catania-Palermo) con il 71% in meno degli incidenze, con una forbice dell’8% in meno di spettatori sugli spalti. Questo dato riguarda però gli incontri della massima serie e non sono estesi alle altre categorie. Una cosa è certa però, la tessera del tifoso non ha portato beneficio nella nostra città, che è passata dai 5.000 spettatori della serie di ai 3.500 scarsi di questa stagione. E questi sono dati che devono fare riflettere un pò tutti, senza fare tanti giri di parole.

L’Avvocato Lorenzo Contucci ha posto invece un altra analisi, spiegato il suo punto di vista sulla tessera del Tifoso che nasce in primis come interesse per le banche, i circuiti di pagamento, il MInistero dell’Interno, le aziende private e la Politica. “Un diritto dal 1898, quello di fare l’abbonamento stagionale e di andarein trasferta è stato violato da queste norme attuali. Sono un grande tifoso della Roma, la seguo dal 1974 e ho deciso di non fare l’abbonamento per una semplice questione di principio”. Com’è nata questa regola? “In maniera dittatoriale, visto che il 14 agosto 2009 l’allora ministro Maroni uscì in questo modo: “Se non l’adottate, vi chiudiamo gli stadi”, rivolto a società, ministeri e tifosi. Rimasero tuttii spiazzati e da lì fu l’inizio della fine. Il Risultato? Un drastico calo degli abbonamenti e delle presenze in trasferta dei tifosi, da quest’anno quasi azzerata”, come hanno testimoniato alcune slider proposte al pubblico durante la serata di varie tifoserie.

A fine serata l’Avv. Andrea Bottone e il giornalista de “Il Tirreno” Antonio Scuglia hanno voluto ringraziare tutti gli ospiti ed il numeroso pubblico per la loro presenza,. auspicando di poter tornare a dibattere su questo tema, molto caldo, qual’è il divieto dell’ingresso allo stadio, dove andrebbero riavvicinate con una giusta politica, famiglie, giovani e ultras con moderne innovazioni.

Presente alla serata anche il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi anche se il primo cittadino non ha presenziato al dibattito vista che il Comune non è spettatore ma protagionista della vicenda tessera del tifoso, visto che in consiglio comunale è stato approvato all’unanimità una mozione presentata, fra gli altri, dal presidente Paolo Mancini. I consiglieri hanno confermato la loro disponibilità “alla partecipazione ad un tavolo tecnico per contribuire a riportare presenze e folklore nella Curva Nord ed in tutto lo stadio”.

You may also like

By