La visita dell’assessore al Turismo Paolo Pesciatini alla CoTaPi e ossevare i suoi progressi tecnologici

OSPEDALETTO (PISA) – La gradita visita presso la sede di Ospedaletto della CO.TA.PI. (Cooperativa Taxisti Pisani) da parte dell’Assessore al Commercio e Turismo del Comune di Pisa Paolo Pesciatini, è stata l’occasione, da parte di quest’ultimo, per prendere atto dell’aggiornamento della tecnologia a disposizione della Cooperativa pisana per l’effettuazione del proprio servizio a favore di cittadini e turisti che intendono fare tappa all’ombra della Torre Pendente nel corso del loro Tour nella nostra Penisola, pur nelle indubbie difficoltà di cui tale settore sta tuttora risentendo per la pressoché totale inattività nel periodo di emergenza sanitaria.

di Giovanni Manenti


Sono particolarmente soddisfatto di questo incontro“, esordisce l’Assessore Paolo Pesciatini, “mi sento in dovere di ringraziare il Presidente e l’intero Consiglio Direttivo della CO.TA.PI. in quanto ha permesso, pur in un momento così difficile per l’intera categoria, di poterci confrontare in termini positivi e costruttivi, mettendo anche a disposizione, nonché alla visione mia personale, dei sistemi di avanguardia di cui questa struttura è dotata, ed il fatto di prendere atto di un’attenzione così particolare ai servizi affinché sia i residenti che i nostri turisti possano trovare una situazione all’altezza delle rispettive esigenze e necessità non può che rendermi orgoglioso del lavoro da essa svolto“.
Mi faccio pertanto portavoce“, conclude Pesciatini, “dell’inserimento di queste positive iniziative per ciò che concerne il Servizio Taxi della nostra città nell’ambito della campagna pubblicitaria che intende promuovere il turismo in riva all’Arno, quale ulteriore dimostrazione di come Pisa si collochi all’avanguardia nel settore turistico, grazie all’opera di professionisti capaci di fornire risposte in termini di assoluta velocità a coloro i quali hanno la volontà di visitare ed apprezzare le bellezze della nostra città, mentre per ciò che concerne le gravi difficoltà incontrate dai taxisti nel periodo di lockdown, abbiamo svolto un incontro con la categoria per vedere come insieme sia possibile migliorare il servizio ed anche venire incontro ai singoli operatori al fine di sostenerli a fronte degli interventi che essi stessi hanno dovuto eseguire per la messa in sicurezza delle strutture e soprattutto dotarsi dei dispositivi necessari nel rispetto delle disposizioni sanitarie“.


Con 69 dei 77 taxi operanti in città consociati, il Presidente della Cooperativa, Riccardo Scali sottolinea: “Il nostro servizio sia ora recepibile – ferma restando la possibilità di chiamare il numero 050-541600 con otto centraliniste a disposizione – grazie ad una serie di multi opzioni, vale a dire tramite web, sms e whatsapp, oltre ad aver messo a disposizione un’APP che è la più importante d’Italia, usata principalmente dai giovani e dai turisti stranieri, grazie alla quale possono prenotare un Taxi in modo semplice e senza aver bisogno di parlare con un operatore, ma semplicemente schiacciando un tasto ed, in pochi secondi, potranno ricevere la conferma di un’auto a loro disposizione, considerando come detto sistema ci ponga all’avanguardia al pari delle principali realtà turistiche della Penisola, siano esse Firenze, piuttosto che Roma, Napoli o Venezia“.

In tale ottica“, conclude il Presidente, “particolarmente gradita è stata la visita di stamattina da parte dell’Assessore Pesciatini, il quale ci ha sempre manifestato una certa disponibilità e siamo pertanto contenti che abbia potuto prendere visione della nostra struttura e dei sistemi tecnologici a supporto della nostra attività, anche in merito alla trattativa attualmente in corso con l’Amministrazione Comunale e che stiamo cercando di portare a buon fine, avente per oggetto un sostegno economico per i danni derivanti dal periodo di sostanziale inattività, pur nei limiti delle risorse finanziarie a disposizione, che sono oggettivamente poche, mentre per quel che riguarda l’andamento della nostra attività stiamo solo ora registrando un piccolo segnale di ripresa, che ci auguravamo fosse di maggiore impatto, visto che stiamo ancora verificando un calo pari al 75% degli interventi rispetto al mese di luglio degli anni scorsi, che si erano attestati su livelli praticamente omogenei, e pertanto non ci resta che essere fiduciosi e sperare in un prossimo futuro migliore sotto questo aspetto” …

By