Ac Pisa 1909, il nuovo presidente e’ Fabio Petroni: “L’obiettivo è la serie A. Vogliamo rafforzare la società e creare una Cambridge del calcio”.

PISA – Il Pisa 1909 ha un nuovo presidente Fabio Petroni, il fondatore di Terravision è stato  presentato nella sala conferenze all’Ac Hotel a Pisanova così come il nuovo Cda nerazurro. 

di Antonio Tognoli

Fabrizio Lucchesi: prende la parola per primo e presenta il nuovo numero uno nerazzurro Fabio Petroni: “Si è svolta l’assemblea dei soci per il ripianamento della situazione debitoria, ho rimesso il mio mandato da presidente, il Dott, Fabio Petroni sarà il nuovo presidente del Pisa, lo dico con grande soddisfazione, ha accettato volentieri questo incarico, Giancarlo Freggia e’ testimone di questo e sarà il nuovo vicepresidente  l’Avv. Vincenzo Taverniti e’ l’altro consigliere che compone il consiglio di amministrazione. Carlo Battini non si è presentato neanche oggi avvisandoci con un mail. Rimarrà socio al 19%, deciderà lui se rimanere od uscire dalla società. Oggi ho ricevuto la telefonata dell’Avv. Bottone che mi ha detto che il Comitato Vecchio Cuore Nerazzurro non avrebbe partecipato all’assemblea. Ne prendo atto ma con dispiacere. Era un modo per renderli partecipi di quello che facciamo. Con Biancoforno c’è un dialogo importante, due persone che hanno dato una mano al Pisa, sono risorse di cui non possiamo non tener presente, li voglio ringraziare per quello che hanno fatto e per quello che faranno nel futuro. Lo vedremo insieme senza litigare ma dialogando rimodulando gli obiettivi. Rimetteremo tutto sul tavolo per il bene del Pisa”.

Fabio Petroni, fondatore della Terravion e uovo presedente del Pisa 1909 si presenta così: “Voglio ringraziare Fabrizio Lucchesi. Sono stati fatti dei miglioramenti straordinari, sono contento di essere qui, come presidente anche se ci ho dovuto pensare per i prossimi impegni impellenti che ho all’estero, però nel giro di 60-70 giorni cercherò di essere un presidente presente. Non vedevo Lucchesi da 14 anni, ma il suo lavoro ha consentito di poter rafforzare la squadra è a poter porre in essere dei progetti ambiziosi per questa società. Il business plan si fa di anno in anno. Se non ce la faremo ad andare in serie B quest’anno cercheremo di rimodulare i nostri obiettivi per la stagione successiva. L’obiettivo è quello di arrivare in serie A. Tra me e Fabrizio c’è grande fiducia perché ci conosciamo bene. Lucchesi e Gattuso rappresentano un binomio fondamentale. Se fossi diventato presidente nel 2011 avrei cercato due figure simili a loro. Ho informato il Sindaco di essere stato nominato presidente del Pisa, ma non mi sento proprietario. Il Pisa non esisterebbe se non ci fosse questa straordinaria città. Il nostro obiettivo è portare il Pisa a livello delle altre eccellenze della città. Siamo entrati con il Britary Post, un quotidiano on line, che darà un contributo all’Ac Pisa 1909 e potrà diffondere la nostra squadra e le sue iniziative. Pisa è una città straordinaria con un sistema aeroportuale che fa invidia al mondo. Il calcio è un grande elemento di comunicazione e visibilità, per questo la responsabilità di chi rappresenta la società è più forte del passato. Quest’anno non dobbiamo lasciare niente di intentato nel nostro girone, abbiamo dato la disponibilità al nostro allenatore e direttore di procedere ad ulteriori acquisti sul mercato, ma è una scelta che compete a loro e non certo a noi. Vogliamo altresì rafforzare la società. In Primavera verrà lanciata una scuola calcio internazionale, idea rivolta I ragazzi da 15 anni in su. Vogliamo creare una Cambridge del Calcio. A Gattuso auguro di raggiungere gli obiettivi più alti possibili, naturalmente con il Pisa”. Petroni parla della sua posizione: “Rispetto a quello che dice qualcuno io sono incensurato. Terravision viene chiamata la Robin Hood degli aeroporti. Dal momento in cui Terravision ha iniziato ad insidiare le lobby abbiamo avuto problemi. Il trasporto al costo di 4 euro da aeroporto a città non da tutti è stato digerito. Nei nostri confronti è partita una sorta di ostilità, ma a darci ragione sono stati i nostri passeggeri che hanno scelto Terravision. Non abbiamo niente da  nascondere, quello che investiremo nel Pisa saranno i guadagni dei biglietti da quattro euro, la nostra presenza a Pisa non è speculativa. Ho chiesto al Sig. Lucchesi di riappropriarci del settore giovanile e nel prossimo semestre credo che Pisa 1909 e settore giovanile torneranno una cosa sola. Vogliamo portare marchi nel Pisa per poter arricchire il nostro club”.

Giancarlo Freggia vicepresidente del Pisa: “Sono emozionato per il ruolo che mi è stato assegnato perché sono l’unico pisano. Ho accettato volentieri, cercherò di dare una mano perché il Pisa torni velocemente in serie B, mi sono avvicinato perché ho creduto molto alla coppia Lucchesi-Gattuso. Lucchesi era l’unica persona che poteva risistemare la società. Al presidente nuovo diamo una squadra in un gran momento e al secondo posto in classifica e oggi credo che sia la migliore del girone. Quando siamo arrivati mancano i cinesini e i campi.

Avv. Vincenzo Taverniti, rappresenta l’altro 50 per cento della Britaly Post: “Ho seguito passo passo negli ultimi due anni le vicende societarie, mi sento un tifoso del Pisa da quattro anni che avete acquistato. Ho spinto molto Fabio Petroni ad intraprendere questa avventura per il bene di Pisa. Ci siamo riusciti, sono veramente felice. Addirittura mi sono allontanato dalla mia squadra del cuore, la Roma, ma sento molto il Pisa”.

By