Lampadine Led: come confrontarle con le sue antenate

PISA – Il risparmio energetico passa anche attraverso l’utilizzo delle lampadine giuste: un assunto che si è fatto più pressante negli ultimi anni con la comparsa, sul mercato, di nuovi modelli di lampade per ogni esigenza.

In particolare, analizzando il contesto attuale, le lampadine tradizionali hanno lasciato il campo alle lampadine Led (Light Emitting Diode). Una soluzione utile anche per ottimizzare la spesa per la luce di casa: vediamo allora, nel dettaglio, quali sono le soluzioni disponibili attualmente sul mercato parlando dei vari modelli di lampadine a Led.

Le lampadine tradizionali

Una volta c’erano le lampadine ad incandescenza ad avere il monopolio: guardate oggi come una sorta di spauracchio, per consumi ed impatto sull’ambiente, sono state superate proprio sulla base delle considerazioni relative alla necessità di risparmiare energia.
Le vecchie lampadine ad incandescenza infatti, avevano caratteristiche incompatibili con tale necessità, in quanto andavano a trasformare soltanto il 5% dell’energia ricevuta. Troppo poco se confrontate con le rivali a fluorescenza, che ne trasformano il 25% e quelle a Led di oggi, che portano il dato al 50%.

L’incidenza sui consumi

Come si può facilmente immaginare, sulla base di quanto detto, la differenza si fa avvertire soprattutto a livello di bolletta elettrica. La regola stabilisce che una lampada Led corrisponde a 8 lampade fluorescenti ed a 33 lampade incandescenti. Di conseguenza, una lampadina a incandescenza da 100 W può essere sostituita da 1 a LED da 20 W caratterizzata da una durata media la quale può situarsi tra 5mila e 15mila ore.
Se tutti questi dati vengono trasposti su base annua, avendo come riferimento un utilizzo giornaliero pari a otto ore, ne deriva che una lampadina ad incandescenza comporta una spesa di 28,8 euro nell’arco dei dodici mesi, contro i 5,75 di quella fluorescente e i 2,4 delle lampadine a Led. Una differenza molto evidente.

I vantaggi delle lampadine Led

I vantaggi delle lampadine Led sono piuttosto evidenti in termini economici, soprattutto nel confronto con le lampadine tradizionali. Il primo dato da mettere in rilievo è quello relativo alla durata: sono in grado di arrivare sino a 50mila ore, ovvero 35 anni ove rimangano accese per 4 ore ogni giorno, oppure sei nel caso il cui l’utilizzo avvenga nell’intero arco giornaliero. 

Va poi considerato che queste lampadine provvedono ad una accensione immediata, non producono calore e possiedono discrete capacità in termini di resistenza. Inoltre, possono essere utilizzate con i regolatori di luminosità e, in particolare, non danno vita alla emissione di radiazioni infrarosse o ultraviolette, notoriamente dannose per la pelle.

Tutte caratteristiche delle lampadine Led attuali, che quali potrebbero essere sensibilmente implementate dall’arrivo sul mercato di nuovi e più performanti modelli in grado, a detta degli esperti, di abbattere ulteriormente i consumi energetici di un buon 50%.

By