L’Arcivescovo Paolo Benotto: “Esorto tutti alla generosità per le popolazioni colpite dal terremoto”

PISA – “E’ importante che il soccorso della carità si realizzi manifestando il segno prezioso della comunione fraterna, accogliendo le indicazioni operative che ci vengono dalla Caritas Italiana e che sono state diffuse dalla Caritas diocesana”.

Così l’Arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto nella lettera inviata ieri, venerdi 26 agosto, a tutte le parrocchie della diocesi per “esortare tutti alla generosità nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto che ha violato in maniera pesantissima alcuni paesi e città dell’Italia centrale”. Per la guida pastorale della chiesa pisana, infatti, “non solo c’è bisogno di sollecitudine nella carità” ma anche “che la carità venga fatta bene, cioè tenendo conto delle indicazioni operative che ci vengono dal coordinamento nazionale per non rischiare di sprecare energie, soldi e mezzi e soprattutto per non procedere disordinatamente creando altri problemi, sia pure in buona fede, piuttosto che concorrendo efficacemente alla loro risoluzione”.

Quindi l’invito “a partecipareì alla colletta nazionale in favore delle popolazioni colpite dal sisma indetta dalla Conferenza episcopale italiana per domenica 18 settembre, giorno in cui si svolgerà anche la giornata conclusiva del Congresso eucaristico nazionale”. Intanto prosegue l’impegno della rete Caritas nei territori più colpiti dal terremoto. Nel territorio di Rieti, dove dieci sono le parrocchie colpite, in questo momento ci sono otto campi della protezione civile, tutti seguiti dalla Caritas diocesana, che insieme alle altre realtà ecclesiali sta supportando le famiglie delle vittime e le persone rimaste senza casa e per le quali ha chiesto l’allestimento di alcune piccole tende per le celebrazioni religiose e l’ascolto. La diocesi di Ascoli Piceno, che vede tre sue parrocchie coinvolte nel sisma, sta coadiuvando l’azione dei soccorritori con la distribuzione di 1.200 pasti, lavoro che continua anche dopo l’allestimento delle cucine nelle tendopoli. Qui una particolare attenzione è stata dedicata ai bambini e alle famiglie vittime del terremoto.

Tutti coloro che volessero fare un’offerta possono utilizzare il conto corrente postale 11989563 intestato a Caritas Diocesana di Pisa, Piazza Arcivescovado, 18 – 56126 Pisa. Oppure il conto corrente bancarioBanca MPS intestato a Arcidiocesi di Pisa Caritas Diocesana. Iban: IT86L0103014010000000390954. Specificare sempre nella causale “Terremoto Centro Italia”.

By