L’Asso Tabanelli per Gattuso nella corsa dei nerazzurri verso la salvezza

PISA – Riteniamo di non far torto a nessuno se questa settimana torniamo a parlare di Andrea Tabanelli, indiscusso protagonista della domenica nerazzurra al “Bentegodi”, non tanto per la rete, pur bella e determinante ai fini del risultato, ma per tutto quello che il centrocampista nerazzurro ha dovuto soffrire nel corso delle ultime tre stagioni, con quel sorriso e quell’allegria contagiosa che non è facile mantenere nei momenti difficili.

di Giovanni Manenti

La sua gioia che traspariva da tutti i pori nell’esultanza dopo lo splendido stacco che ha messo fuori causa Boldor e Caracciolo e posto la sfera alle spalle dell’estremo difensore scaligero Nicolas, la dice lunga su quanto abbia sofferto il Taba, per ritagliarsi questo “piccolo spazio”, che ci auguriamo possa proseguire da qui a fine campionato, poiché, visto che della formazione messa in campo da Gattuso dal primo minuto a Verona, il solo inserimento di gennaio era Gaetano Masucci.

Il vero asso nella manica del finale di stagione del Pisa per Rino Gattuso, potrebbe essere proprio Andrea Tabanelli, un po’ come del resto avvenne l’anno scorso quando il ragazzone romagnolo in coppia con il rientrante Di Tacchio diede solidità al centrocampo nerazzurro. La loro presenza fu determinante nella cavalcata verso la serie B.

By