Laura Grassi a capo della Confesercenti Monte Pisano

San Guiliano – La sala consiliare del Comune di San Giuliano è stata sede della prima assemblea elettiva della Confesercenti Monte Pisano.

Realtà nuova nelle politiche sindacali dell’associazione che ha deciso da questo mandato di dare autonomia, rispetto all’area pisana, ai territori del Monte Pisano (Calci, San Giuliano, Vecchiano, Buti, Vicopisano e Cascina). Alla presenza del sindaco termale Sergio Di Maio e degli assessori vecchianesi Lara Biondi e Mina Canarini, si è provveduto alla nomina della presidente che nei mesi scorsi era stata indicata. Nomina quindi ufficiale per Laura Grassi, una giovane imprenditrice che insieme alla sua famiglia gestisce la Bottega del Goloso di Colignola da sempre impegnata all’interno dell’associazione. Questa la presidenza che affiancherà Grassi: Sandra Bacci, Venanzio Fonte, Giuseppina Lotti, Marco Guzzardi, Federico Boni e Simone Mugnai per San Giuliano; Simone Bandecchi per Vicopisano, Giuseppe Carnasciali per Vecchiano; Franco Di Ciolo e Michele Tozzini per Calci; Massimo Scarselli, Giacomo Bagnoli e Marcello Mosca per Cascina. Completa la presidenza Simone Romoli, responsabile Monte Pisano per Confesercenti.

Romoli commenta: “L’assemblea di San Giuliano costituisce per certi versi un passaggio storico per il territorio dei Monti Pisani. Per la prima volta abbiamo infatti deciso di staccarlo dell’area pisana, costituendo una specifica presidenza. Una scelta frutto di una richiesta pressante di tanti imprenditori che in questi ultimi tempi si sono impegnati in prima persona per la promozione ed il rilancio di questo territorio. Proprio per la complessità e la forza di questa area, si rendeva necessario una presidenza specifica che sia interlocutore delle istituzioni e motore delle iniziative. La scelta è ricaduta su Laura Grassi – conclude il responsabile Confesercenti – che da sempre ha seguito le vicende del territorio anche attraverso il Centro commerciale naturale. Una persona preparata, che si è fatta le ossa sul campo gestendo la sua storica attività. Una figura quindi che ci dà ampie garanzie e soprattutto costituisce il punto di riferimento necessario per tutto il Monte Pisano”.

By