Lavori fai da te in cambio di bonus per l’affitto e l’alloggio torna disponibile

PISA – La necessità aguzza l’ingegno, e in tempi di crisi, anche le amministrazioni pubbliche devono dar fondo alla loro fantasia.

Per superare lo scoglio della mancanza di finanziamenti e poter riassegnare gli alloggi popolari liberi (cosiddetti di resulta) nel minor tempo possibile Apes e assessorato all’Edilizia Pubblica hanno messo a punto un ingegnoso sistema di autorecupero.

“Ogni mese si liberano circa 9 alloggi, case che noi non possiamo assegnare prima di aver fatto lavori di manutenzione e messa a norma degli impianti, pur non hanno finanziamenti specifici – spiega l’assessore Ylenia Zambito – mentre la Regione che dovrebbe dare questi finanziamenti, vincolata dal patto di stabilità, di fatto non li eroga”. “Abbiamo 100 alloggi di resulta e fondi per rimetterne in sesto 77 – incalza Lorenzo Bani, presidente di Apes – e tra un mese se ne aggiungeranno altri”.

Ecco allora che, in via sperimentale, il comune di Pisa lancia l’autorecupero: i nuovi assegnatari potranno effettuare da soli lavori di imbiancatura, pavimentazione, sostituzione dei sanitari ed in cambio (in base ad un “listino” ancora da definire) riceveranno un “bonus” che potrà essere sottratto dall’affitto. Apes si farà carico invece dei lavori di messa a norma degli impianti.

“Questo sistema fa sì che gli appartamenti siano pronti e consegnati prima» continua Bani. Vantaggi per tutti, resta però da sciogliere il nodo dei regolamenti: «abbiamo già avviato un percorso con la Regione per trovare una soluzione tecnica e legale – precisa Zambito – ma una cosa è certa l’autorecupero si farà”.

20130926-160818.jpg

By