Lavoro, 74 dipendenti toscani di Calzedonia, Intimissimi, Tezenis e Original’s Marines festeggiano il posto fisso

PISA – Ogni tanto anche qualche buona notizia che riguarda il fronte lavoro. Per 74 lavoratrici e lavoratori toscani, dal 1° gennaio e’ arrivato il posto fisso nei negozi ad insegna Calzedonia, Intimissimi, Tezenis, Original’s Marines presenti nella nostra città.

L’accordo è stato sottoscritto a Lucca dalla Filcams CGIL Toscana alla presenza delle Filcams territoriali di Firenze, Pisa, Massa, Lucca, Livorno, Siena e Pistoia. In base a questo accordo i 74 associati in partecipazione impiegati nei 39 punti vendita, dislocati in tutta la regione, che fanno riferimento alle Società New Cluny e Borghetto, sede a Lucca, concessionarie dei marchi Calzedonia, Intimissimi, Tezenis, Original’s Marines, vengono stabilizzati.

“La vertenza si era aperta qualche mese fa – dichiara Cinzia Bernardini segretaria della Filcams CGIL Toscana – e si è conclusa con un accordo positivo che prevede la garanzia della continuità lavorativa per tutti i lavoratori dei punti vendita. Ai 74 associati in partecipazione, infatti, è stata offerta un’assunzione a tempo indeterminato con applicazione integrale del contratto collettivo nazionale del commercio, senza l’applicazione del periodo di prova e tenendo in considerazione le condizioni in essere delle lavoratrici.” “E’ un risultato importante da valorizzare”, aggiunge, “dare stabilità occupazionale ai lavoratori, contrastando la precarietà, soprattutto dei giovani, è da sempre l’obbiettivo dell’azione della Cgil”.

L’accordo sottoscritto con le Società New Cluny e Borghetto, approvato dalle Assemblee delle lavoratrici, segue quello sottoscritto con ‘L’Isola Verde’ che aveva stabilizzato 275 dipendenti in tutta Italia, esempi concreti di come possono stare insieme i diritti dei “garantiti” e quelli dei “precari”. Sono accordi fatti in base ad norma che la Legge di Stabilità ha prorogato fino a marzo, c’è dunque tempo per aziende e lavoratori per cogliere questa importante opportunità.

Fonte: Ufficio Stampa CGIL Toscana

20140107-145543.jpg

You may also like

By