Lavoro. Ex dipendenti del Granduca. Sit-in davanti alla struttura abbandonata: “Rivogliamo il nostro lavoro”. Le foto

SAN GIULIANO TERMEMarcello Masini candidato a Sindaco di San Giuliano Terme in qualità di socio fondatore de “Il Comune tra la Gente” ha incontrato nel pomeriggio di sabato 9 febbraio gli ex dipendenti dell’Hotel Granduca in un sit-in proprio davanti alla struttura ancora nel più assoluto degrado in Via Statale Brennero. E nonostante la fastidiosa pioggia erano in tanti presenti davanti alla recinzione del Granduca.

Circa una quindicina i dipendenti presenti armati di ombrello, che hanno sfidato il freddo e la pioggia per dire la loro, per rivendicare i loro diritti, per riconquistare cosa hanno perso dopo tante promesse. Dagli amministrativi ai facchini, dalla pulizia delle camere a chi come Debora aveva un attività all’interno del Granduca ed ha ancora i propri strumenti di lavoro la’ dentro ed ha perso circa 300.000 euro in denaro. Praticamente tutta la sua vita.

Riccardo faceva il facchino all’interno dell’Hotel Granduca ed e’ oggi costretto alla soglia della povertà. Va a consumare il suo pranzo e la sua cena alla Caritas. Tutti pero’ sono rimasti in contatto tra loro e non hanno smesso di credere di poter tornare al proprio lavoro. “Dal 2015 non lavoriamo ma da molto prima avevamo delle mensilità regresse. A 50 anni passati non e’ facile reinventarsi, trovare lavoro. Tra di noi ex dipendenti del Granduca pero’ e’ rimasto un buonissimo rapporto, ci sentiamo e tutti speriamo di rientrare presto a lavoro. Abbiamo bisogno del nostro lavoro, rivogliamo la nostra dignità“.

Con questa conferenza stampa si entra nel vivo della campagna elettorale dei problemi del Comune di San Giuliano Terme – afferma Sandra Cocchi, presidente della neonata associazione “Il Comune tra la Gente” – uno dei più importanti tra cui quello del Molino Rossi e’ quello della difesa e soprattutto del rilancio del lavoro che e’ collegato alla riapertura della struttura dell’Hotel Granduca dove ci troviamo oggi

Parola dunque che passa al Dott. Marcello Masini candidato a Sindaco della città termale: “Dopo che a novembre 2018 il Sindaco di San Giuliano Sergio Di Maio annunciando l’acquisizione dell’Hotel Granduca, dove oggi ci troviamo, da parte dell’imprenditore Andrea Bulgarella aveva sventolato la sua riapertura. Tutto questo si e’ di nuovo arenato di fronte alle richieste del Sig. Bulgarella riguardanti gli sbocchi turistici, economici  e soprattutto occupazionali che intendeva proporre per il nuovo complesso“.
Il nuovo complesso acquisito dall’imprenditore siciliano del Granduca prevedeva nel suo progetto l’ampliamento con suite, appartamenti per residenze con ristorante, piscina sopraelevata e centro benessereDi fronte ad un nuovo stop delle trattative con l’amministrazione comunale, io sono qui come candidato a Sindaco del comune di San Giuliano, a proporre al Sig. Bulgarella, la nostra disponibilità a valutare le sue nuove richieste, per quanto riguarda appartamenti per residenze con ristorante e centro benessere, completando l’opera con l’allacciamento all’acqua termale già precedentemente approvato ai tempi del Sig. Guelfi. Garantiamo tutto l’appoggio a soluzioni, che diano una speranza occupazionale non solo agli ex dipendenti ma anche ad altre persone“.

“In questa ottica vorrei anche garantire il completo recupero dell’area adiacente al Granduca, al confine con la Statale del Brennero, attualmente in mano all’amministrazione giudiziaria, in quanto proveniente da un fallimento predisponendoci un parcheggio a completamento del progetto della nuova struttura del Granduca“.

 

 

By