L’avversario di turno: gli umbri non vincono da quattro gare

PISA – Il Gubbio prossimo avversario del Pisa è una delle squadre retrocesse dalla serie B la scorsa stagione, La squadra umbra è partita con obiettivi ben diversi rispetto alla classifica attuale che la vede posizione in undicesima posizione a quota 22 punti, praticamente a ridosso della zona play-out.

I rossoblù erano partiti con il dichiarato intento di tornare subito in cadetteria, ma dopo un avvio sprint che l’ha vista nelle prime posizioni per circa due mesi c’è stato il crollo.

 

I numeri. Il ruolino di marcia fuori casa parla di soli cinque punti conquistati lontano dal “Pietro Barbetti” con una media bassissima di 0.56 punti a partita. Le statistiche sono chiare. Un successo, due pareggi e ben cinque risultati totalmente negativi.

Ruolino di marcia negativo. La formazione rossoblù non vince dalla dodicesima giornata quando superò la Nocerina pèr 2-2. Da allora su cinque incontri un pari (1-1) contro l’Andria e ben quattro sconfitte consecutive nell’ordine con Catanzaro, Sorrento, Frosinone e nel derby contro il Perugia.

Gennaio nero. Nel mese di gennaio il Gubbio sarebbe in una speciale classifica ultima in classifica. Infatti chi sta dietro è andato meglio: il Barletta ha conquistato sei punti in tre partite e Catanzaro, Andria e Carrarese tre punti in tre gare. Addirittura il fanalino di coda Sorrento ha conquistato quattro punti in tre partite. 

Così all’andata.  All’andata il Gubbio sconfisse il Pisa per 2-1 in una delle gare più deludenti della stagione nerazzurra. Reti di Galabinov su rigore, l’unico calciato quest’anno nei sette centri reallizzati, raddoppio di Sandreani e penalty di capitan Favasuli su rigore che ridiede speranza nellaa ripresa, ma la rimonta non riuscì.

Doppi ex. Il Pisa si ritroverà di fronte Filadelfio Carroccio passato agli umbri pochi giorni fa. Altri ex che hanno vestito entrambe le maglie: Leonardo Perez, il centrocampista francese Boisfer e Luigi Simoni (in rossoblù ha fatto da Ds e da trainer nella seconda parte della stagione scorsa), che da pochi giorni è il nuovo Dt della Cremonese.

By