Le finestre sono il principale elemento di dispersione termica in casa

PISA – Un elemento caratteristico di qualsiasi tipo di edificio e di abitazione è la finestra. Questa apertura nel muro, di forma solitamente rettangolare, esiste già dall’epoca dei romani i quali furono anche i primi a utilizzare il vetro come elemento di protezione della finestra.

Una storia, tanti stili. Oltre ad essere obbligatorie per legge, le finestre sono anche necessarie per far passare la luce e permettere il ricambio di aria negli ambienti. Nel corso dei secoli, soprattutto dal Rinascimento in poi, sono diventate un vero e proprio elemento architettonico, che caratterizzava stili, edifici e utilizzi. Le tipologie di finestre sono numerose e si differenziano per forma (possono essere rettangolari, quadrate, ma anche tonde o ovali, bifore o trifore, ad arco e a più arcate). Oggi, nelle abitazioni civili, la forma rettangolare è quella più diffusa, sia per praticità, sia per la maggiore facilità di realizzazione della struttura e del vetro.

Dato che le finestre rappresentano un’apertura verso l’esterno, sono anche gli elementi più soggetti al clima e allo scambio di temperatura con l’interno. Questo significa che, anche in un edificio costruito a regola d’arte per quanto riguarda le pareti isolanti, una finestra malmessa, vecchia o molto semplice renderà la temperatura di quell’ambiente soggetto a forti variazioni, in quanto gli spifferi d’aria passeranno per le fessure, il vetro monostrato non isolerà dall’esterno e il telaio sarà una via di facile accesso per le calde temperature.

Attenzione all’ambiente. È importante, quindi, porre molta attenzione quando si scelgono le finestre della propria casa o nella manutenzione di quelle già montate. La tecnica e i materiali, negli ultimi anni, hanno fatto passi da gigante nel trovare soluzioni che garantissero un isolamento quasi completo degli ambienti interni da quelli esterni. Per esempio, l’installazione di doppi o tripli vetri (a doppia o tripla camera), farà in modo che il calore o il freddo esterno no vengano direttamente trasferiti all’interno per induzione. Mentre la cura dei telai, dall’alluminio al legno, montati a regola d’arte e con i giusti accorgimenti, eviterà che l’aria passi tra le giunture.

Se ci troviamo a dover riparare la nostra finestra, sarà necessario rivolgerci ad un professionista. I problemi più comuni sono, per esempio, la rottura del vetro, l’usura dei materiali del telaio, che quindi si scostano e non aderiscono più in maniera corretta, o il blocco dei meccanismi della maniglia. Ognuna di queste problematiche, oltre a risultare scomoda o addirittura pericolosa, farà in modo che la nostra finestra non sia più una barriera efficace a proteggerci dagli agenti esterni.

 

Nel 2019 l’ecosostenibilità delle abitazioni è un obbligo legale, oltre che un dovere etico. Avere delle case che non dissipano calore d’inverno e che rimangono fresche d’estate, senza dovere abusare di condizionatori elettrici, ha delle ripercussioni positive non solo sulle bollette delle utenze, ma sull’ambiente. Infatti le emissioni di CO2 derivate dalla combustione fossile (per produrre energia elettrica o per scaldare gli ambienti) sono la principale causa del surriscaldamento globale e dell’inquinamento delle nostre città. Durante l’inverno è fondamentale che l’ambiente interno, una volta riscaldato, non lasci uscire il calore, inducendoci a produrne molto per mantenere la casa confortevole, e disperdendolo nell’ambiente. Calore del tutto sprecato. Per ottenere questo risultato ci vogliono pareti e muri costruiti con tecniche e materiali isolanti, ma anche le finestre devono seguire questa logica.

Quindi, se stiamo decidendo di comprare le finestre per la nostra nuova casa, è estremamente consigliabile optare per finestre isolanti e di qualità, montate da professionisti. Mentre se ci accorgiamo che le finestre che abbiamo in casa si chiudono male, hanno fessure dovute all’usura o sono vecchie, possiamo valutare la riparazione e la sostituzione. Così faremo bene al nostro portafoglio, ma soprattutto all’ambiente.

By