Le Impronte. Tutti gli appuntamenti al Pisa Book Festival

PISA – Quattro presentazioni, due anteprime nazionali e tanti ospiti per i due marchi del gruppo Felici Editore e LibriVolanti Edizioni.

Sono tante e tutte importanti le novità con cui il Gruppo Editoriale Le Impronte giunge all’appuntamento con il Pisa Book Festival 2018. A partire dal nome, da Istos a Le Impronte: è questo il nuovo volto del gruppo editoriale pisano presente sul mercato nazionale con due marchi: Felici Editore, con una lunga tradizione e un forte legame con Pisa e il suo territorio, e il più giovane ma già carico di riconoscimenti LibriVolanti Edizioni.

LibriVolanti, che pubblica letteratura per bambini e ragazzi, sarà presente alla sedicesima edizione del Pisa Book Festival con due anteprime nazionali.
Sarà presentato venerdì 9 novembre (ore 18, sala azzurra) Monsieur Magritte, il nuovo albo illustrato di LibrArte, la collana curata da Teresa Porcella e pensata per far conoscere l’arte ai bambini e ai ragazzi, completamente rinnovata nei contenuti e nella
veste grafica. Alla presentazione saranno presenti l’autrice Lilith Moscon e l’illustratore Francesco Chiacchio.

Monsieur Magritte – dedicato ai bambini dai 5 ai 9 anni – conduce alla scoperta
dell’opera di René Magritte attraverso due personaggi: il Signor Blu e la Signora Azzurra, che altri non sono che il pittore e sua moglie Georgette Berger. L’atmosfera poetica del testo accompagna a conoscere le sue opere e a creare, attraverso di esse, nuovi racconti, nuovi mondi possibili, come quelli immaginati dal pittore belga.

Tutti gli elementi che si incontrano nella narrazione provengono da diversi dipinti dell’artista, che il lettore può scoprire in fondo al libro. Un albo illustrato per scoprire la poesia che c’è nelle tavole di uno degli artisti più visionari del ‘900, per fare un viaggio nella vita e nelle opere di un grande artista scoprendo, nello stesso tempo, un metodo di lavoro che è già un bellissimo laboratorio d’arte!

Sabato 10 novembre (ore 11, sala azzurra), sarà invece la volta de La mini e la luna, il quinto libro illustrato di Rivoluzioni, collana innovativa e pluripremiata – tra gli altri,

Premio Andersen 2018 alla miglior collana di narrativa – che vuole offrire un panorama dei processi rivoluzionari politici, sociali e di costume di varie epoche e contesti storici, ideata e curata da Teresa Porcella e illustrata da Otto Gabos. Il libro sarà presentato
dall’autrice Sofia Gallo e dall’illustratore Otto Gabos. La mini e la luna. Il ’68. Le proteste, i sogni e le conquiste degli studenti è un testo di narrativa illustrata (dedicato ai lettori dagli 11 anni in su) per far conoscere, con gli occhi
di un ragazzino, uno dei periodi più densi di novità del Novecento.

Cortei, picchetti, assemblee ma anche minigonne, ricerche spaziali, cervelli elettronici, la musica dei Beatles e dei Rolling Stones: Max, 12 anni, è coinvolto nell’ondata di entusiasmo, desiderio di cambiamento e volontà di sentirsi padroni della propria vita, che
anima le rivolte giovanili del ’68 a Torino. Lui è un ragazzino e non partecipa attivamente alle lotte, ma, grazie al fratello più grande, osserva e ascolta, curioso. Conosce amici di
età diverse, condivide passioni con Eli, sua coetanea e ballerina provetta, passa un’estate effervescente a Londra e cresce in fretta. Sarà uno fra i tanti ragazzi e ragazze che in quegli anni hanno stretto fra le dita il loro futuro e non lo hanno più lasciato scappare. Anche Felici Editore, storica casa editrice pisana che si occupa prevalentemente di arte,
cinema e territorio, sarà presente al Pisa Book Festival 2018 con due appuntamenti da
non perdere.

Venerdì 9 novembre (ore 19, sala azzurra), per la collana Memorie, verrà presentato Pisa. La spesa in piazza di Paola Pisani Paganelli, in occasione della sua nuova edizione. Saranno presenti l’autrice, l’editore Fabrizio Felici e il direttore della collana Centopagine Renzo Zucchini. Piazza delle Vettovaglie e Piazza Chiara Gambacorti a Pisa erano, e in parte ancora sono, le piazze dei mercati del centro storico. Paola Pisani Paganelli – osservatrice attenta della
vita cittadina e studiosa rigorosa – riannoda il filo dei ricordi e restituisce uno spaccato vivo, fatto di tanti personaggi che affollavano il palcoscenico della piazza, le botteghe e i banchi del mercato, nomi e volti che riaffiorano raccontando tanto della storia di questa città e del carattere dei suoi abitanti.

Domenica 11 novembre (ore 19 sala blu) per la collana ArtDrop, dedicata alle biografie dei grandi artisti, sarà presentato Io non sono Magritte, alla presenza dell’autore Franco Donatini e dell’editore Fabrizio Felici. Il libro racconta gli anni cruciali della vita di Magritte che vanno dal 1920 al 1940, in cui l’artista aderisce al surrealismo fino a diventarne, assieme a Dalì, uno dei maggiori e più significativi rappresentanti. Sono gli anni in cui vive esperienze che influenzeranno profondamente il corso della sua vita e la sua espressione artistica, come l’incontro e il matrimonio con Georgette, sua musa ispiratrice e l’amicizia con gli artisti surrealisti. I fatti, storicamente aderenti e documentati, sono raccontati da un immaginario narratore, uno psicologo, amico dell’artista, che lo assiste nei momenti più turbolenti della sua esistenza. Io non sono Magritte è un libro che apre uno squarcio sulla personalità complessa e singolare dell’artista, consentendo al lettore di comprendere gli aspetti più originali e allo stesso tempo più inquietanti della sua arte. L’autore Franco Donatini e l’editore Fabrizio Felici hanno deciso di devolvere il diritto d’autore derivante dalla vendita dei libri alla Fondazione Arpa.

Loading Facebook Comments ...
By