Le Officine Garibaldi tra i progetti finalisti del bando nazionale “Culturability” della Fondazione Unipolis

PISA – Che cosa hanno in comune palazzi storici vuoti, fabbriche e spazi industriali dismessi, edifici pubblici e spazi ferroviari inutilizzati, biblioteche, conventi e chiese dimenticati? Sono tutte aree che riprendono vita, rinascendo come luoghi di cultura e di comunità: queste le sfide lanciate dai 15 progetti finalisti del bando culturability – rigenerare spazi da condividere.

Tra questi anche il progetto “Le Officine delle idee” presentato dalle Officine Garibaldi di Pisa.

Selezionato fra i 341 progetti candidati da tutta Italia alla call, promossa dalla Fondazione Unipolis, per sostenere iniziative culturali e creative ad alto impatto sociale che rigenerano e riattivano spazi, il progetto presentato dalle “Officine” punta a potenziare maggiormente un luogo già ricco di iniziative e attività.

“Si tratta di un progetto con cui vogliamo rafforzare e sviluppare un’esperienza che è già realtà – spiega Francesca Vagelli di Artide & Antartide, l’agenzia formativa capofila del progetto presentato insieme alla cooperativa sociale Paim – facendone sempre più un luogo aperto e attraversato dalla cittadinanza, uno spazio capace di promuovere percorsi culturali e di inclusione sociale attraverso l’incontro, il dialogo e il confronto tra diverse generazioni, culture e saperi”.

“Tra i servizi che vorremmo maggiormente valorizzare con nuove proposte e attività – aggiunge Giancarlo Freggia, presidente di Paim – la biblioteca ed emeroteca Blog, gli sportelli di ascolto e orientamento dedicati a diverse utenze e le già numerose attività formative. Vorremo che tutto ciò fosse sempre più arricchito da nuove opportunità, proponendo laboratori creativi ed artistici ed eventi culturali che riguardino sia le arti visive che quelle performative, in un’ottica di co-progettazione con cittadini e associazioni che vorranno collaborare”.
Il processo di individuazione dei progetti finalisti è stato complesso – ammettono i promotori del bando – considerato il numero, la qualità e la visione dei partecipanti. A seguito di questa prima selezione, i finalisti sono stati ammessi al percorso di supporto e accompagnamento finalizzato a migliorare e sviluppare le proposte, che dovranno essere rinviate a Unipolis entro il 2 agosto.

Tra queste, nel mese di settembre, una Commissione di esperti selezionerà 6 progetti che riceveranno 50 mila euro ciascuno.e continueranno l’attività di mentoring che, anche per questa edizione del bando, sarà seguito da Avanzi/Make a Cube3 e Fondazione Fitzcarraldo, partner dell’iniziativa.

By