Le ordinanze del Sindaco. Maurizio Nerini: “Protestate ma lasciate pulito”

PISA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Maurizio Nerini Capogruppo di Noi Adesso – Pis@ Fratelli d’Italia sulle ordinanze firmate dal Sindaco di Pisa Michele Conti in vigore da lunedì 8 ottobre 2018

“Le ordinanze antidegrado, antialcol, anticampeggio e antibivacco del Sindaco Conti, promesse in campagna elettorale, invece di essere accolte come primo gradino di riappropriazione e tutela degli spazi della nostra meravigliosa e unica città, hanno sviluppato un can-can mediatico incredibile e inaccettabile da parte di quelle stesse forze politiche che, non si arrendendosi alla sconfitta elettorale, hanno contribuito ad avere queste situazioni di degrado sottovalutando prima e non avendo la forza dopo di contrastare  i fenomeni di illegalità che ogni notte si sviluppano in mezzo ai nostri monumenti.

Certo è che gran parte di questi “disobbedienti a prescindere” non hanno nemmeno letto le ordinanze se si soffermano su sull’esempio dello studente che legge un libro sulla panchina o il bambino che mangia il gelato,  non sono questi gli atteggiamenti che si vogliono colpire è chiaro… e chi sbandiera questi solo esempi è in netta malafede.

È altrettanto chiaro come sia difficile far rispettare  le ordinanze,  al netto della discrezionalità degli agenti che intervengono che non è banale, ma se non ci fossero le ordinanze non ci sarebbero nemmeno le basi per far rispettare i principi di decoro, di  vivibilità e libertà di godere della città.

Non per questo che debba pensare come risibilmente dice il PD pisano di assumere 40 vigili (magari!) quando loro non sono stati in grado di dare alla Polizia Municipale nemmeno una sede adatta.

I nostri agenti vanno invece incentivati, riqualificati e anche  dotati di armi difensive: mazzette distanziatrci, spray urticante e anche teaser.

Vanno inoltre coinvolte le altre istituzioni, soprattutto le Università che devono prendersi le proprie responsabilità nei confronti di chi si vuol laureare a Pisa: la moralità e l’atteggiamento devono essere irreprensibili!!!

Poi la Sovrintendenza dovrà per forza abbandonare posizione arroccate per dare la possibilità di bagni  pubblici, cestini e cestoni anche e soprattutto nelle nostre zone di pregio.

Per il resto a chi oggi si dichiara disobbediente e che vuole fare azioni di contrasto, mi sento dire: protestate pure… poi dopo lasciate pulito. Grazie”.

 

 

Loading Facebook Comments ...
By