Le Oss di Pisa sul piede di guerra. Sabato assemblea al Circolo Alhambra

PISA – Le operatrici socio sanitarie (Oss) di Pisa sul piede di guerra e pronte a dare battaglia per non perdere le loro priorità e il proprio posto di lavoro si ritroveranno sabato 30 settembre al Circolo Alhambra (ore 16) a Pisa.

Siamo un gruppo di lavoratrici che da anni lavorano a Pisa come operatrici socio sanitarie nel Servizio Sanitario Nazionale con contratti annuali a tempo determinato che sono stati rinnovati per cinque, sei, sette, otto volte, anche continuative – scrivono in una nota – il Decreto Madia prevede la stabilizzazione dei precari in Sanità, ma per noi all’orizzonte non si intravede nessuna stabilizzazione. E’ invece uscito un bando di concorso regionale per OSS per ben due posti su Siena e chi si qualificherà entrerà in una graduatoria da cui tutta la Regione attingerà il personale necessario, costringendo le lavoratrici ad andare a lavorare in varie parti della Toscana.
Questo concorso ha una riserva di posti per la stabilizzazione striminzita e ci penalizza fortemente ponendo come condizione una preselezione, oltre al pagamento di 10 euro. Questo concorso perciò, anziché stabilizzarci, rischia di farci perdere definitivamente il posto di lavoro che svolgiamo da tanti anni e che abbiamo ottenuto già con corsi, selezioni e concorsi e, non ultimo, con sacrifici personali.

DOPO ANNI DI PRECARIATO CREDIAMO SIA UN DIRITTO OTTENERE LA STABILIZZAZIONE ANCHE PER CONSENTIRCI DI SVOLGERE LE NOSTRE MANSIONI CON UNA CONTINUITA’ LAVORATIVA IN GRADO DI CONSENTIRE UNA GIUSTA PROGRAMMAZIONE NELL’AMBITO DI UNA CORRETTA ASSISTENZA. INVITIAMO I LAVORATORI E LE LAVORATRICI OSS

e chiunque voglia solidarizzare con noi

A PARTECIPARE IL 30 SETTEMBRE ALLE 16.00

PRESSO IL CIRCOLO ALHAMBRA, Via Enrico Fermi, PISA,

ALL’ASSEMBLEA NELLA QUALE,

DOPO LA CONFERENZA STAMPA,DECIDEREMO INSIEME LE FORME DI LOTTA DA PORTARE AVANTI.

By