“Legalitamipiace”, Confcommercio chiama a raccolta le autorità civili e militari

PISA – Confcommercio Provincia di Pisa chiama a raccolta le massime autorità militari e civili sul tema della sicurezza e della legalità: tutti “convocati” mercoledì 21 novembre alle ore 15 presso la sede di via Chiassatello, in occasione della giornata nazionale “Legalitàmipiace” iniziativa promossa da Confcommercio Imprese per l’Italia.

E se a livello nazionale interverrà sul tema il ministro dell’Interno Matteo Salvini, a livello locale è confermata la presenza del prefetto vicario Romeo Valerio Massimo, del questore Paolo Rossi, degli esponenti della forze dell’ordine provinciali, del comandante della polizia municipale Michele Stefanelli. Con loro anche sindaci e assessori dei comuni della provincia di Pisa invitati all’incontro.

L’obiettivo è quello di analizzare e denunciare l’entità e le conseguenze dei fenomeni criminali sull’economia reale e sulle imprese” – anticipa la presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini:“Sarà una occasione di confronto tra imprenditori e tutte le autorità che hanno il compito costituzionale di garantire sicurezza e legalità, unitamente ad una indagine del nostro ufficio studi sui principali fenomeni criminali quali abusivismo, contraffazione, rapine, furti, aggressioni, usura, racket”.

Di fronte ad una situazione straordinaria occorrono interventi straordinari” – ribadisce il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli: “L’ultima indagine diffusa da Italia Oggi in queste ore è l’ennesima e ulteriore conferma di una situazione drammatica. Nella graduatoria Pisa risulta tra le peggiori e più insicure province d’Italia: è 107esima su 110 provincie per i furti, 101esima per stupefacenti, scippi e borseggi, 99esima per prostituzione, 96esima per furti in appartamento. Esattamente un mese fa, l’indagine del Sole 24Ore faceva emergere come fossero aumentati i furti con strappo (+44%), quelli con destrezza (+1%), i furti nelle abitazioni (+11%), mentre per i furti alle attività commerciali Pisa si conferma drammaticamente la sesta provincia in Italia, con 1.079 in un anno, 256 ogni 100.000 abitanti, 3 furti ogni giorno. La necessità di una svolta è evidente a tutti”.

By