L’ex Ds nerazzurro Vincenzo Minguzzi: “Se fossi rimasto il posto del Carpi in serie B sarebbe stato del Pisa”

PISA – Con il Grosseto in silenzio stampa da ormai qualche settimana ha parlato alla trasmissione Ale’ Nerazzurri l’ex Ds del Pisa Vincenzo Minguzzi, attuale consulente esterno della società maremmana che sabato prossimo affronterà il Pisa all’Arena.

Minguzzi ha parlato dell’attuale situazione del Grosseto: “La società e’ partita in ritardo in quanto a costruzione della squadra di cui io non mi sono occupato. Nella rosa tuttavia son rimasti anche elementi che avevo portato io in passato e alla fine la proprietà ha messo su una rosa discreta per disputare un buon campionato. Attualmente faccio il consulente esterno della società perché ad inizio stagione la società non mi aveva rinnovato il contratto, poi fui richiamato e mi proposero questo tipo di lavoro che accettai. Adesso vado in giro a vedere le partite e guardo soprattutto i giovani”.

Sabato prossimo Vincenzo Minguzzi non sarà all’Arena ma avverte il Pisa: “Il Grosseto e’ una squadra che fatica molto in casa, ma in trasferta ha fatto delle ottime prestazioni, vedi la vittoria di Salerno. Sa chiudersi molto bene e ripartire pericolosamente”.

L’ex Ds nerazzurro ha visto il Piss nelle gare con Barletta, L’Aquila, Gubbio e Frosinone: “Il Pisa in questo avvio di stagione l’ho seguito parecchio. E’ una squadra con molte alternative, ha una difesa giovane, ma molto valida che sta facendo molto bene”.

Per la vittoria del campionato ha le idee molto chiare: “Ci sono otto-nove squadre che possono vincerlo”.

Non sono mancate le battute su Cuoghi: “Per fortuna lo vedo molto poco” e su come Minguzzi si è lasciato con il presidente Carlo Battini: “L’ho rivisto a Gubbio. Siamo in rapporti normali. A me dispiace come ci siamo lasciati perché sicuramente sarebbe stato portato avanti un progetto importante, un percorso da me voluto con i vari Perez, Gatto ecc ecc. Se fossi rimasto probabilmente il posto del Carpi in serie B sarebbe stato del Pisa. Loro infatti sono partiti con un progetto a lungo termine e sono arrivati in serie B. C’è rammarico perché nel primo anno di serie D riuscimmo a batterli e arrivare primi. Inoltre l’essere venuto via da Pisa mi è dispiaciuto perché a Pisa si vive di calcio ed è una piazza che ti fa lavorare bene”.

SOTTO L’EX DS NERAZZURRO VINCENZO MINGUZZI (foto tratta da legapro.it)

20131112-014651.jpg

By