In libreria La Gipsoteca di Cascina

CASCINA – Esce il libro “La Gipsoteca di Cascina” degli storici Antonio Martini e Diego Sassetti, con le fotografie di Guido Bettini, dedicato alla collezione delle sculture napoleoniche e ottocentesche che il critico d’arte e assessore Luca Nannipieri ha voluto musealizzare in sede permanente presso la sala grande delle conferenze della biblioteca civica di Cascina.

Il libro, introdotto dallo stesso Nannipieri, con i saluti del sindaco Susanna Ceccardi e di Gabriella Giuliani, dirigente del Liceo Artistico proprietario dei gessi, vede anche un prezioso saggio sul raffronto tra la Gipsoteca di Cascina e le gipsoteche italiane, scritto da Mariagrazia Ristori, funzionario del Ministero dei Beni Culturali, da tempo attenta alla valorizzazione di questa collezione. Nel volume, dopo il racconto della lunga e complessa storia delle sculture, che in origine erano molto più numerose, si narra come si è giunti al salvataggio e alla messa in sicurezza di questi manufatti artistici, che nell’ultimo secolo hanno subìto distruzioni, abrasioni, frammentazioni, dispersioni e ruberie.

Un patrimonio considerevole che ora è stato messo a giusta tutela, come prevede la Costituzione e il Codice dei Beni Culturali. Il volume, realizzato con il sostegno del Comune di Cascina, della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, e degli sponsor che hanno partecipato alla costruzione della Gipsoteca (Sogerfarm, Profeti cemento, Berni Auto, Asa immobiliare, Ecom, Kinzica Club, Antonio Nesti) è il terzo libro dedicato al patrimonio storico artistico del territorio che Nannipieri ha voluto realizzare, dopo l’uscita dei precedenti “L’Oratorio di San Giovanni Battista” dedicato al ciclo d’affreschi tardo trecentesco e “La Pieve dei Santi Cassiano e Ippolito” dedicato all’importantissima chiesa di San Casciano scolpita in facciata e firmata dallo scultore Biduino.

By