L’imbattibilità del Francioni ha dei punti in comune con quella dello Zini del 1986-87

PISA – Il Latina avrà dalla sua il fattore campo e non solo o non tanto dal punto di vista dell’ambiente. Il Francioni è stato un vero e proprio fortino, visto che i pontini sono l’unica squadra professionisti imbattuta in Italia. Così come nella stagione 1986-87 lo era la Cremonese. Oggi il Latina ha fatto meglio di Napoli ed Udinese ko una volta in casa in Serie A, Sassuolo una volta in B così come in Lega Pro Entella, Alto Adige ed Albinoleffe in Prima divisione e Savona e Salernitana in Seconda. A livello nazionale solo il San Felice ed il Messina in Serie D possono condividere il record dei laziali. Se consideriamo le quindici gare di campionato giocate in casa, il Latina ha vinto dieci volte e pareggiato cinque. Ha ottenuto cioè trentacinque punti sui quarantacinque  più di tutti davanti all’Avellino che ne ha ottenuti 33. Tra le mura amiche i pontini hanno realizzato 23 reti subendone 7. Il dato è presto fatto. Il Latina segna in casa un gol e mezzo a partita e quindi va a segno ogni 60 minuti. Al contrario subisce non più di mezzo gol a partita (0.46 per l’esattezza) subendone uno ogni 185 minuti cioè dopo oltre tre ore. Le gare poi diventano sedici se si considera l’1-0 rifilato alla Nocerina nella gara di rirorno della semi finale play off.  Il Pisa dal canto suo in trasferta ha ottenuto sei vittorie tre pareggi e sei sconfitte. Per i nerazzurri 20 le reti fatte e 21 quelle subite. Quindi alla fine sono 21 i punti raccolti dal Pisa sui 45 disponibili. Davanti c’è solo l’Avelino a 29 ed il Perugia a 27. Conviene quindi fare un parallelo con la stagione 1986-87 di Serie B si presta bene. La Cremonese era imbattuta in casa fin dal 9 marzo del 1986 quando perse in casa 1-0 con il Brescia. La sua imbattibilità durava quindi da 468 giorni. Il Latina non perde in casa dal 25 marzo del 2012 quando cedette per 3-1 al Lanciano e quindi, alla vigilia di domenica saranno 447 i giorni di imbattibilità interna. Anche la Cremonese aveva subito pochissimo, solo 6 reti in 18 gare, ovvero un gol ogni tre giornate, ogni 272 minuti oltre 4 ore. Eppure in quella domenica ne subì ben due. Ed il Pisa aveva fino a quel momento,  su 18 gare, vinto due volte, pareggiato e perso otto volte, segnando dieci reti.

 

By