Spezia-Pisa 0-0. Orgoglio Pisa al Picco. Nel finale Granoche calcia sulla traversa un rigore

LA SPEZIA – Finisce con un pareggio (0-0) inutile per il Pisa al Picco di La Spezia in un sempre atteso derby, Che permette ai nerazzurri di salvare l’onore. Esce invece tra i fischi la squadra di mister Di Carlo che nel recupero aveva avuto l’occasione di vincere, ma Granoche ha calciato il rigore decisivo sulla traversa.

Pisa in maglia rossa, Spezia in casacca bianca. I nerazzurri partono meglio degli acquilotti (2′) lancio di Longhi a servire Zammarini con la palla che termina sul fondo. Risponde lo Spezia al 3′ con la percussione in area di Valentini, ma Lisuzzo respinge un traversone molto insidioso. Pochi istanti dopo un brutto fallo di Vignali su Masucci, non viene sanzionato con il giallo. Al 7′ discesa dell’attaccante pisano Fabbrini, ma il suo tiro è “murato” da Lisuzzo. Prova a reagire il Pisa con un Masucci che punta la porta, l’area spezzina respinge. Poco dopo ci prova Varela su assist di Mannini, para Chichizola. Al 11′ su un imbucata di Masucci, palla a Varela che però è pescato in posizione di offside. A questo punto il Pisa abbassa notevolmente il proprio raggio di azione. Lo Spezia si fa pericoloso almeno in un paio di circostanze. Al 16′ Mastinu opera un traversone, che attraversa tutta l’area, con la palla che termina a Vignali e Cardelli blocca a terra. I nerazzurri soffrono gli inserimenti di Granoce e le puntate offensive di Fabbrini. Giannetti al 26′ servito dal solito Fabbrini mette a lato. E’ ancora Spezia qualce iti pi avati. Lancio di Djokovic a servire Vignali al limite dell’area ma palla in fallo laterale. Al 32′ Zammarini entra in area palla a Varela ce ette di poco fuori. Spezia ancora i attacco: passaggio di Fabbrini a servire Maggiore ma il tiro in diagonale e’ debole e Cardelli blocca senza problemi. Lo Spezia chiede il rigore per un contatto tra Lisuzzo e Maggiore in piena area, il pubblico di casa reclama un rigore francamente inesistente. Al 36′ Masucci è costretto ad uscire dal campo per problemi muscolari, dentro Peralta. Granoche intanto tira da fuori area, tiro debole, palla a lato. Lo Spezia attacca costantemente, il Pisa è troppo schiacciato. Al 40′ angolo di Maggiore colpo di testa di Terzi di poco a lato. I nerazzurri si vedono al 39′: contropiede di Peralta a servire Zonta ma l’azione sfuma per il passaggio troppo lungo diretto a Varela. Ma al 42′ è Cardelli a salvare il risultato su colpo di testa di Granoche. Gran parata dell’estremo difensore nerazzurro che tiene a galla i suoi. Pochi istanti dopo Crescenzi salva nei pressi della linea su conclusione di Giannetti. Sono due i minuti di recupero nella prima frazione. Si va al riposo con qualche sofferenza con il risultato ad occhiali.

Nella ripresa nessun cambio ulteriore nei due schieramenti. La falsa riga della partita non muta. Lo Spezia attacca, il Pisa opera in contropiede con una discesa di Zammarini, palla a Mannini, che serve Peralta, ma l’azione sfuma, pochi istanti dopo Bririndelli serve in fuorigioco Zonta. Due ammoniti per lo Spezia, prima Maggiore e poi Djokovic finiscono sul taccuino del direttore di gara. Pochi istanti dopo anche Mannini per proteste si becca il giallo. Gara molto spezzettata, si gioca pochissimo. Birindelli è costretto ad uscire, entra Gatto. Cambia anche Mimmo Di Carlo con l’ingresso di Baez per Mastinu. Ed è proprio Baez a farsi subito pericoloso con un colpo di testa che Cardelli però blocca a terra. Anche Crescenzi si accascia a terra a venti minuti dalla fine, vittima di crampi e vine assistito da Lisuzzo. A dieci minuti dalla fine pericoloso lo Spezia. A dieci minuti dalla fine Varela salta anche il portiere ma spedisce incredibilmente fuori. Peccato. Finale a al cardipalma. Esce Varela entra Verna. Una punizione di Baez è respinta dalla barriera. Longhi finisce nell’ambito lista dei cattivi. Nel recupero succede di tutto. Serra concede il rigore allo Spezia per in mani in area di Mannini. Granoche non fa il Diablo e calcia sulla traversa. Finisce tra i fischi per lo Spezia, per il Pisa che lancia l’Empoli proprie maglie ai tifosi giunti in Liguria, sale sempre più il rammarico per la retrocessione in Lega Pro. Gattuso esce da la campo incitato  tifosi nerazzurri e da quelli spezzini, ed è tutto dire.

SPEZIA – PISA 0-0

SPEZIA (3-4-3): Chichizola; N. Valentini (86′ Okereke) Terzi, Ceccaroni; Vignali, Maggiore, Djokovic, Mastinu (67′ Baez); Giannetti (58′ Nené) Granoche, Fabbrini. A disp. A. Valentini, Candela, De Col, Sciaudone, Errasti, Okereke, Datkovic. All. Mimmo Di Carlo

PISA (4-3-3): Cardelli; Birindelli (65′ Gatto) Crescenzi, Lisuzzo, Longhi; Zonta, Lazzari, Zammarini; Mannini, Varela (83′ Verna), Masucci (36′ Peralta). A disp. Campani, Polverini, Verna, Del Fabro, Angiulli, Favale, Peralta, Degl’Innocenti. All. Rino Gattuso

ARBITRO: Serra di Torino (Ass. Soricaro di Barletta e Rossi di Rovigo). Quarto Uomo Alessandro Meleleo di Casarano.

NOTE: giornata grigia, terreno in buone condizioni. Ammoniti Maggiore (S), Djokovic (S), Mannini (P), Longhi (P). Rec. pt 2′, st 4′. Spettatori 7.520 per un incasso di 15.227 euro.

By