Lo scienziato Marcello Malpinghi nel libro di Marco Rossi

PISA – Venerdì 7 aprile alle ore 18 alla Saletta ETS (Piazza Carrara 16-19, Pisa) si terrà una conferenza a cura del prof. Marco Rossi.

Il tema prescelto sarà: “Il soggiorno pisano dello scienziato seicentesco Marcello Malpighi”, una tappa fondamentale per le sue importantissime scoperte in campo medico e non solo.

Chi è Marcello Malpighi?(Crevalcore, 10 marzo 1628 – Roma, 29 novembre 1694) è stato un medico, anatomista e fisiologo italiano. Viene considerato come il padre microscopico dell’anatomia, istologia, fisiologia, embriologia e medicina pratica. Fu il primo ad osservare i capillari negli animali e a scoprire il legame tra le arterie e le vene, il quale era sfuggito a William Harvey. Malpighi fu anche il primo ad osservare i globuli rossi sul microscopio. Il suo trattato De polypo cordis è stato importante per la spiegazione della composizione del sangue. L’uso del microscopio ha permesso a Malpighi di scoprire che gli insetti non utilizzano polmoni per respirare, ma dei piccoli fori nella loro pelle chiamati trachee. Malpighi, studiando l’anatomia del cervello, ha confermato che l’organo è semplicemente una ghiandola. In termini di endocrinologia moderna, questa deduzione è corretta dato che l’ipotalamo del cervello è da tempo riconosciuto per la sua capacità di ormone secernente. A novembre 1656 accettò l’invito del granduca Ferdinando II de’ Medici di insegnare Medicina teorica presso l’Università di Pisa, conservando però il posto di lettore nell’Università di Bologna.
Si recò quindi a Pisa, dove divenne membro dell’Accademia del Cimento, che si proponeva come erede della scienza galileiana in Italia riunendo molti studiosi illustri, ricominciando così a sperimentare e a sezionare anche animali vivi. Una particolare amicizia lo legava al matematico Giovanni Alfonso Borelli, che lo introdusse alla iatromeccanica ed alle sue idee improntate sull’osservazione dei fenomeni viventi basandosi sulle leggi della fisica e della matematica. Questo nuovo indirizzo cercava di applicare la filosofia meccanica di Descartes ai corpi viventi e di considerare, quindi, gli animali, complessi ingegni meccanici. Nell’ambito dell’Accademia, Malpighi conobbe anche un nuovo strumento che lo avrebbe accompagnato per il resto della sua vita: il microscopio.

Marco Rossi vive e lavora a Pisa, dove si è laureato in medicina e chirurgia, specializzandosi in cardiologia e medicina interna. Dopo un intenso percorso formativo presso la allora clinica medica dell’ospedale “Santa Chiara” di Pisa, e diverse esperienze professionali, ha abbracciato la carriera universitaria presso l’ateneo pisano. Ha al
suo attivo oltre duecento pubblicazioni scientifiche sullo studio delle malattie cardiovascolari e del microcircolo e ha ottenuto riconoscimenti in società scientifiche nazionali ed internazionali, tra cui la presidenza della “Società europea di microcircolazione” da lui tenuta nell’ultimo triennio, culminata nella preparazione e nello
svolgimento del congresso internazionale di questa società; ultimo, in ordine di tempo, dei numerosi eventi scientifici da lui organizzati nella città di Pisa. Per beneficenza, ha fondato nel 2000 un’associazione attiva nella organizzazione di incontri letterari, eventi musicali e teatrali. Per Edizioni ETS ha pubblicato
ComuniCare in camice bianco. Breve viaggio nella relazione medico-paziente (2015).

By