Lo sport ai tempi del Covid. Salvucci (Squadra Corse Città di Pisa): “La Federazione dovrà decidere se iniziare i campionati. Serve chiarezza, evitare deroghe”

PISA – Continua il nostro viaggio nello sport pisano ai tempi del Covid-19. E’ la volta del mondo dei motori. Abbiamo sentito il parere di Massimo Salvucci, fiduciario provinciale Acisport e presidente della scuderia automobilistica denominata Asd Squadra Corse Città di Pisa, una delle poche scuderie della Provincia che svolge l’attività nel Motorsport sia con i propri conduttori sia a livello organizzativo con un Raduno per auto storiche e di promozione e conoscenza dei rally con un corso di avvicinamento per co-piloti a cadenza annuale.

di Antonio Tognoli

Come gestite in tempi di Covid 19 i contatti con i vostri tesserati?

Attualmente effettuiamo tramite Skype o altre piattaforme delle chiamate video e ci confrontiamo su aspetti regolamentari o su problematiche della scorsa stagione. Abbiamo aggiornato il sito della scuderia e buttato giù idee per i due eventi in veste di organizzatori che avevamo in programma e che, visto il perdurare della situazione, saranno probabilmente rimandate al prossimo anno. Inoltre cerchiamo di capire quali potranno essere le soluzioni per poter impiantare anche un minimo di attività sportiva, quando tutto sarà non dico finito, ma almeno alleggerito“.

Quali sono le vostre preoccupazioni di questa situazione?

Non essendo ancora chiara la situazione per uscire da questa emergenza a livello generale, pur consapevoli che i problemi sono altri, dovremo ripartire da capo, anche sè in pratica non siamo mai partiti, perchè l’attività nostra parte usualmente nel mese di marzo. La Federazione (ACISPORT), dovrà decidere come iniziare i vari campionati e le modalità. Molte gare che al momento sono state rimandate probabilmente non potranno svolgersi sia per questioni di sovrapposizione con altre già in calendario, sia per le diverse modalità che, a logica, dovrebbero favorire i campionati maggiori. Inoltre i nostri conduttori non hanno potuto proseguire l’allestimento ed aggiornamento delle loro vetture oltre che definire eventuali accordi per correre. Altro problema saranno le modalità tecniche sanitarie che faccio anche fatica ad immaginare. Già era difficile trovare un minimo di budget per seguire un campionato, ora lo sarà ancora di più.

Che cosa vi aspettate dalle istituzioni?

Ci aspettiamo chiarezza sul da farsi, vorremmo evitare deroghe e controderoghe. Evitare interpretazioni plurime. Buonsenso da parte di tutti ed aiuto da parte delle istituzioni per poter recuperare il tempo perso, occorre agevolazioni non solo economiche e soprattutto semplificazioni nelle varie attività sia a livello di pratica dello sport, sia a livello organizzativo dove ci rapportiamo con enti ed amministrazioni“. 

Nella foto sopra la squadra nel week del Rally di Casciana Terme 2019

By