Lo sportello di Ascolto diventa virtuale

PISA – Un servizio di consulenza emotiva e legale, disponibile anche a distanza, per essere ancora più vicino a imprenditori e professionisti in questo momento di difficoltà. Lo Sportello di Ascolto promosso dal Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Provincia di Pisa diventa virtuale.

“Basterà scrivere al nuovo indirizzo mail sportellodiascolto@confcommerciopisa.it o chiamare il numero 050/25196 per entrare in contatto con un team di professioniste che sarà a disposizione di imprenditori, professionisti e lavoratori autonomi per offrire servizi di counseling e assistenza legale e giuridica” spiega la presidente del Gruppo Terziario Donna Confcommercio Provincia di Pisa Valeria Di Bartolomeo. “Un nuovo servizio disponibile su appuntamento, rivolto a tutti coloro che avessero bisogno di consigli o aiuto in questo momento drammatico, e non solo per chi lavora nei settori più colpiti dal lockdown e dalla crisi economica. Lo Sportello di Ascolto è a disposizione di tutti”.

È creato da un gruppo femminile, ma assolutamente aperto a chiunque voglia utilizzarlo. L’obiettivo è offrire un supporto a lavoratori e lavoratrici, oltre che essere uno strumento di confronto in grado di stimolare una maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità, finalizzato a conciliare le responsabilità lavorative con le aspirazioni familiari, a ridurre al minimo i fattori conflittuali, a sviluppare la capacità di tenere separati l’ambito lavorativo della sfera privata sostenendo la crescita professionale, a imparare a gestire lo stress correlato al lavoro e la gestione conflitti tra colleghi, sviluppo di capacità di autodeterminazione e mediazione”.

Attraverso il dialogo e la comunicazione infatti” spiega Di Bartolomeo “è possibile creare un’empatia che permette di abbattere i confini tra mondo professionale e lavorativo. Sarà possibile approfondire anche molti aspetti dal punto di vista legale e giuridico per avere informazioni riguardo la legislazione vigente e gli strumenti per l’imprenditoria femminile, nonché di riconoscimento, tutela e promozione delle pari opportunità, accesso e partecipazione al mondo del lavoro”.

By