Lo stregone non ferma l’incantesimo del Pontedera, Benevento battuto 3 a 1. Ora é vetta solitaria

PONTEDERA – I granata battono tra le mura amiche anche il Benevento,ottenendo il quarto successo in cinque incontri in attesa del derby contro il Pisa.

La squadra di Indiani é sola al comando del girone B con 13 punti e vanta nettamente il miglior attacco del girone (14 reti collezionate in appena 5 gare) collezionando una media di quasi tre segnature a partita. Grazie a queste statistiche, da record o quasi per la categoria, i granata si candidano ad un ruolo da protagonista anche in questa stagione che segue due promozioni dirette. Davanti ad un pubblico non particolarmente numeroso tra cui da rilevare le presenze di Stringara, Lucarelli e degli ex nerazzurri Raimondi e Stafico, il Benevento cerca subito di imporre il proprio gioco. Dopo un minuto Montiel inizia il lungo duello che lo vedrà protagonista con Ricci, punizione sulla tre quarti e deviazione dell’estremo difensore granata in angolo. Il Pontedera fà girare con disinvoltura il pallone attraverso una fitta rete di passaggi, che risulta però inefficace negli ultimi metri dove c’é un Arrighini costantemente fermato da Mengoni. I campani, pur mostrando minori capacità di palleggio, sembrano poter prendere il sopravvento grazie al lavoro di Evacuo dominatore nel gioco aereo e gli ottimi movimenti di Mancosu e Montiel che riescono con continuità ad arrivare alla conclusione anche se raramente impegnando Ricci. Al 10′ l’episodio a sorpresa che cambierà la gara, punizione dai 30 metri da posizione centrale, batte il solito Grassi la cui conclusione passa in mezzo alla barriera, rimbalza davanti a Baiocco che tocca ma non riesce a deviare in angolo. Il Benevento stordito ha un momento di smarrimento, Grassi ruba palla, combina con Di Noia che serve in area l’accorrente Arrighini che spara addosso a Baiocco che blocca. Il Benevento comincia a macinare gioco, sfruttando la maggiore esperienza e la netta superiorità sul piano fisico che gli permette di avere spesso la meglio sui contrasti, nel gioco aereo e nei contatti corpo a corpo. Il gioco degli ospiti è prevedibile e abbastanza lento ma ogni calcio da fermo, lancio lungo o cross mettono in grave difficoltà la difesa granata. Le occasioni si sprecano ma alla squadra di Carboni manca sempre il guizzo decisivo per fortuna. Ricci blocca una punizione pericolosa, Evacuo spara alto di testa un traversone leggermente lungo e Verruschi è decisivo su una percussione centrale di Montiel che cerca il gol di forza. Al 18′ ammonito Vacca per fallo su Arrighini. Evacuo ha un’altra opportunità su appoggio con il petto di Campagnacci, tiro fuori. Le due squadre sembrano annullarsi e il ritmo cala, la gara si fà più nervosa e fioccano i falli. Il Pontedera, pur soffrendo, dà l’idea con il passare dei minuti di poter disporre di sempre maggiore spazio. Dopo un grosso rischio corso da Ricci messo in difficoltà da un avventato passaggio arretrato, di cui Montiel non approfitta, comincia a salire di tono Arrighini, prima anticipato in modo provvidenziale dal portiere avversario di testa, poco dopo servito da Grassi converte e serve dal vertice l’accorrente Bartolomei che in area supera un avversario ma calcia malamente fuori. Prima del riposo, dopo una grave ingenuità di Pezzi, un classico del repertorio di Grassi;stop a centrocampo portiere fuori, palla a giro che si stampa sulla traversa. Non ci sono sostituzioni nell’intervallo e Arrighini comincia il suo show, inseguito da due avversari entra in area ma la conclusione é bloccata in due tempi dal portiere campano. Mentre continua il confronto Ricci-Montiel, dopo l’ammonizione di Mancosu, uno dei migliori, avviene un doppio cambio per gli ospiti con l’ingresso di Altinier e De Risio per gli evanescenti Vacca e Espinal. Al minuto 53′ spunto di Arrighini che fà da preludio al raddoppio, anche stavolta Baiocco ha la meglio respingendo la conclusione. Passa un minuto ed esce Bartolomei ed entra Vettori e viene ammonito Caponi. E’ il 56′ , Arrighini incontenibile viene steso in area da Milesi, giallo e rigore trasformato da Grassi, il “Mannucci” é in delirio. Ammoniti Grassi e Mengoni per scorrettezze reciproche, dopo che entra Bonaiuti per Milesi. Due insidiose conclusioni di Mancosu a Ricci battuto sfiorano il palo. Il Pontedera abbassa continuamente il proprio baricentro,vma i ripetuti cross e conclusioni giallorossi, oggi in maglia bianca, non sortiscono effetti. Indiani cerca di spezzare il ritmo inserendo Settembrini, che si rivelerà molto prezioso, per uno spento Di Noia. Al 62′ i granata recuperano palla, Grassi per Arrighini che converge supera il dirimpettaio e calcia a giro fuori sfiorando l’eurogol. Al 73′ viene annullato un gol al Benevento per fuorigioco di Campagnacci. A 6 minuti dalla fine la squadra di Carboni rientra in partita, sull’ennesima incursione di Som, oggi devastante sulla fascia, Altinier riceve un pallone invitante che spedisce in rete di prima intenzione. Ci si aspetta un finale ad alta tensione, ma la gioia benevetana dura qualche secondo,esattamente 10, Grassi vede l’incursione di Arrighini, suggerimento perfetto e il bomber non sbaglia, 3 a 1 e partita chiusa. Dopo 4 minuti l’arbitro fischia la fine, per l’ovazione del pubblico alla compagine granata che ha superato una squadra di grande temperamento, tra le favorite della categoria. Inizia la settimana che porterà al derby per Arrighini e compagni comunque vada sarà un successo.

IL TABELLINO: PONTEDERA – BENEVENTO 3-1

PONTEDERA (3-5-2): Ricci, Regoli, Pastore, dall´87´ Galli s.v.), Pezzi, Gonnelli, Verruschi, Bartolomei, (dal 53´ Vettori), Caponi, Arrighini, Grassi, Di Noia. (dal 68´ Settembrini). A disp.: Lenzi, D´Agostino, Picone, Romiti. All. Indiani

BENEVENTO (4-3-3): Baiocco, Zanon, Som, Vacca, (dal 52´ Altinier), Mengoni, Milesi, (dal 63´ Buonaiuto), Montiel, Espinal (dal 52´ De Risio), Evacuo, Mancosu, Campagnacci. A disp.: Gori, Ferretti, Frasciello, Carretta. All. Carboni

ARBITRO: Lanza di Nichelino

RETI: 10´ e al 58´ (rigore) Grassi, 83´ Altinier, 84´ Arrighini

NOTE: giornata piovosa, spettatori 900 circa. Ammoniti: Caponi, Grassi, Vacca, Mancosu, Mengoni.

l’ingresso in campo delle 2 squadre
IMG_1302

 

IMG_1303
IMG_1304IMG_1305 L’esultanza pontederese di publico e squadra dopo il fischio finale IMG_1306IMG_1310

By