L’Orchestra Cappella toscana Giovanni Bria in concerto alla Gipsoteca di Arte Antica a Pisa

PISA – Il talento dei giovani, l’esperienza dei docenti e la collaborazione di elementi esterni. Torna a esibirsi a Pisa l’Orchestra Cappella Toscana Giovanni Bria, formazione composta da ventinove musicisti in gran parte provenienti dall’Istituto superiore di studi musicali “L. Boccherini” di Lucca e diretta dal M° Giovanni Bria.

L’orchestra suonerà domenica 25 novembrealle 18, alla Gipsoteca di Arte Antica dell’Università di Pisa (Chiesa di S. Paolo all’Orto).

In programma pagine di Francesco Xaverio Geminiani, Antonio Vivaldi, Tomaso Albinonie Walfgang Amadeus Mozart. Ad aprire i concerti sarà la musica del violinista e compositore lucchese, con il Concerto grosso in Re minore “La follia” (tratto dalla Sonata per violino op. 5 n. 12 di Arcangelo Corelli), forse la sua opera più nota e senza dubbio uno dei suoi lavori più eseguiti ai giorni nostri. A seguire, il Nisi Dominus di Vivaldi, tra le opere composte per l’Ospedale della Pietà, uno dei quattro orfanotrofi veneziani per fanciulle, famoso per la qualità delle esecuzioni musicali delle sue ospiti, per i quali Vivaldi lavorò nell’intero arco della sua attività musicale. Per l’occasione, insieme all’orchestra salirà sul palco il contralto Noemi Karacsony. Sarà invece l’oboe di Nicola Bimbi ad accompagnare l’orchestra nell’esecuzione del Concerto per oboe n. 2 op. 9 in Re minore di Albinoni, il più noto dei Dodici concerti op. 9 scritti per Massimiliano Emanuele II Elettore di Baviera. A chiudere la serata sarà il Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in La maggiore K 488 di Mozart, uno fra i più preziosi e intimisti del grande compositore austriaco, interpretato dal pianista Cristian Paul Ionescu insieme alla formazione diretta dal M° Bria. Il concerto è a ingresso gratuito.

By