Lorenzo Musto a Pisanews: “Con il Pisa ci vorrà la massima concentrazione. Alexis Ferrante? Un valore aggiunto per i nerazzurri”

PISA – Dopo il pareggio in extremis con il Prato, grazie ad una prodezza di Robert Gucher, il Pisa è atteso da una gara insidiosa in Sardegna, allo stadio di Olbia, contro l’Arzachena a metà classifica con 31 punti vera rivelazione di questo questo campionato, che è riuscita a stupire anche al “Brianteo” di Monza dove ha agguantato il pareggio nel finale ragion per cui noi di Pisanews abbiamo contattato telefonicamente l’autore di questo gol prezioso che ha regalato il pari alla compagine sarda. Si tratta di Lorenzo Musto, romano classe 1996, attaccante di scuola giallorossa ma attualmente di proprietà del Bologna, che ha iniziato la stagione calcistica nel Renate, da dove è giunto da soli 15 giorni nella compagine allenata da Mister Giorico, facendo subito vedere di che pasta è fatto andando a segnare al Monza. 

di Maurizio Ficeli

D. Grazie Lorenzo per la tua disponibilità, parliamo del tuo gol a Monza ci puoi descrivere l’azione?

R. “Volentieri, è stato un gol in mischia su un calcio d’angolo, ho colpito la palla di destro al volo, poi c’è stato un batti e ribatti sulla respinta ho raccolto la palla col sinistro e l’ho spedita in rete. Una grande soddisfazione contro una squadra, come quella brianzola assolutamente forte”.

D. Sei arrivato da poco ad Arzachena: come ti stai trovando?

R. “Sì, sono qui da una quindicina di giorni e mi trovo veramente bene e poi conoscevo già la Sardegna per aver già giocato a Sassari nella Torres”.

D. Quali sono le tue caratteristiche come attaccante?

R. “Sono una punta da area di rigore, che cerca di sfruttare al meglio le occasioni che gli capitano”.

D. Hai un sogno nel cassetto a livello calcistico?

R. “Arrivare al massimo delle mie potenzialità cercando di superare i miei limiti”.

D. Torniamo all’Arzachena: siete in una posizione di classifica abbastanza tranquilla: che obiettivo vi ponete?

R. “No, la nostra posizione non può considerarsi affatto tranquilla, perchè la classifica è corta e se può essere vero che se vinci due gare sei in zona playoff basta di contro, perderne altrettante e ti puoi trovare invischiato nei playout. Il nostro obiettivo è andare avanti partita dopo partita cercando di trarre il massimo del risultato”.

D. Il prossimo avversario che affronterete sarà il Pisa. Quali informazioni hai sui nerazzurri?

R. “Premesso che fino alle scorse settimane giocavo nell’altro girone di serie C a Renate, è superfluo dire che il Pisa è una squadra fortissima, lo dice la classifica e la rosa dei giocatori che possiede. Io, tra l’altro, conosco bene Jonathan Alexis Ferrante, con il quale ho giocato insieme nella Primavera della Roma e posso dire che è un ottimo giocatore, sicuramente sarà ancora migliorato, un valore aggiunto per il Pisa”.

D. Come state preparando la gara contro i nerazzurri pisani?

R. “Studiando i punti deboli ed i punti di forza dell’avversario, l’importante sarà stare concentrati al massimo per evitare brutte figure cercando di trarre il massimo al cospetto di un Pisa con una rosa di qualità che rappresenta una piazza importante”.

D. Il fatto di giocare ad Olbia può crearvi qualche disagio?

R.”Noi stiamo giocando ad Olbia, perchè stanno facendo i lavori al nostro stadio di Arzachena e questo forse può anche penalizzarci a livello di seguito e di sostegno da parte dei nostri tifosi, ma non è sicuramente un attenuante anche perché poi nel giro di qualche mese dovremmo tornare a giocare ad Arzachena, dove si stanno velocizzando i lavori per la messa a punto dello stadio”.

D. Quali fattori saranno decisivi a livello di risultato, in questa gara fra Arzachena e Pisa?

R. “Sicuramente saranno determinanti gli episodi, qualsiasi dettaglio potrà far la differenza come del resto è già successo a noi nella gara pareggiata a Monza”.

D. Finiamo col dare uno sguardo all’alta classifica: Livorno sconfitto in casa dal Pontedera, secondo te la lotta per il primo posto si è riaperta?

R. “Sì, a mio avviso la vittoria del Pontedera a Livorno ha un pò riaperto il campionato a livello di primo posto, le partite da giocare sono ancora tante e le squadre dietro gli amaranto, Siena, Viterbese e Pisa, sono tutte li sotto, quindi, mai dire mai”.

Foto tratta da tuttocalciatori.net

By