Luca Berardocco a Pisanews: “Pisa molto forte, ma la Carrarese se la giocherà”.

PISA – Saranno molti gli ex del recentissimo passato, che il Pisa si troverà di fronte domani nel derby contro la Carrarese al “Dei Marmi”, tra questi Sbraga, Gyasi,Benedini e Luca Berardocco, che noi a poche ore dal match abbiamo sentito.

di Maurizio Ficeli

Tutti ci terrano a fare bella figura, per dimostrare il loro valore. Luca Berardocco, centrocampista, nato a Pescara il 21 gennaio 1991, alto cm.1,74 per 65 kg.di peso

Berardocco è stato a Pisa nel campionato 2011/12, disputando 16 gara, proveniente dal Pescara. Dopo Pisa ha militato nel Viareggio,nel Feralpisalò,con un esperienza in Slovenia,nel Nova Gorica. Ritornato in Italia è stato nel Como, prima di giungere questo anno all’ombra delle Alpi Apuane.

Salve e grazie per aver accettato l’invito di Pisanews: domenica con la maglia della Carrarese, affronterai il Pisa, tua ex squadra: che ricordi hai dell’esperienza all’ombra della Torre?

“Buoni ricordi, sicuramente a Pisa sono stato molto bene, anche se la mia permanenza lì è durata solo sei mesi. Ho un ottimo ricordo di tutto l’ambiente, dei tifosi pisani, con i quali ho avuto dei buoni rapporti e dei compagni di squadra. Adesso,dei giocatori di quel tempo, non è rimasto nessuno. Io son rimasto in contatto e mi sento spesso con Giovanni Scampini, ora al Sestri Levante, con Leo Perez e con Alex Benvenga, che è nella Lucchese”.

Dopo essere andato via da Pisa, oltre a giocare in squadre come Viareggio e Feralpisalò, hai fatto una esperienza all’estero, nel Nova Gorica, in Slovenia: parlacene un po’…

“È stata una esperienza molto positiva, non è un top europeo,ma è sempre la serie A slovena. Ho vinto la Coppa Nazionale contro il Maribor. Inoltre a differenza del calcio italiano quello sloveno è meno tattico, però li ho trovato giocatori molto forti a livello fisico e tecnico”.

Ed adesso veniamo a parlare della tua attuale destinazione: come ti trovi a Carrara?

“Mi sto trovando molto bene, Carrara è un ambiente tranquillo, dove si può fare calcio e dove la gente grazie ai nostri risultati si sta avvicinando”.

E questa Carrarese che squadra è?

“Una squadra che è partita bene, inanellando 3 vittorie e due pareggi, una buona squadra con molti giovani, che se riesce a rimanere ùmile e concentrata,può togliersi molte soddisfazioni, una squadra, la nostra costruita molto bene, che in queste gare ha saputo soffrire ed uscire alla distanza. Al di là dei reparti la forza di questa Carrarese è il carattere”.

Veniamo al vostro modulo di gioco: qual è quello piu gettonato?

“Come moduli abbiamo adottato quando un 4-3-3 e quando un 4-3-1-2, ma cambiamo a seconda della gara dell’avversario ed a partita in corso. Siamo una squadra pronta e predisposta ad interpretare piu moduli”.

Mentre invece riguardo al Pisa hai seguito un pò le vicende in casa nerazzurra?

“Certo, ho seguito un pò le vicende, in quanto Pisa mi è rimasta nel cuore e vedo che sono stati fatti degli investimenti importanti per tentare il salto di categoria”.

Quindi che Pisa vi aspettate di affrontare domenica allo stadio dei Marmi?

“Ci aspettiamo un Pisa sicuramente forte, sia nel reparto avanzato e sia come complesso, però noi ce la giocheremo”.

By