Luca D’Angelo: “A Frosinone per i tre punti. Partita da dentro o fuori. Con i tifosi si è creato il giusto connubio, ci sono vicini ogni giorno”

PISA – Alla vigilia dell’ultima partita della regular season fra Frosinone e Pisa, consueta conferenza stampa pregara del mister nerazzurro Luca D’Angelo, il quale ha parlato prima della partenza della squadra nerazzurra alla volta del capoluogo ciociaro.

di Maurizio Ficeli

La squadra si è allenata con grande convinzione, sappiamo che è una partita da dentro-fuori, ci vorrà da parte nostra una bella partita per riuscire a vincere. Belli e Gori sono gli unici due indisponibili mentre gli altri sono tutti a disposizione, questo è molto importante perché avere una scelta ampia sia ad inizio che a gara in corso può essere  un fattore troppo importante“.

Questa posizione che abbiamo acquisito in campionato è realtà, vuol dire che abbiamo fatto un buon lavoro e dobbiamo fare tutto il possibile per  riuscire a qualificarci per gli spareggi promozione. Il Pisa è cresciuto tanto sotto tutti i punti di vista ed anche i ragazzi arrivati a gennaio hanno avuto una integrazione perfetta sotto tutti i punti di vista, specie tattico dove abbiamo acquisito una maturità che forse prima non avevamo, un esperienza  maggiore, me compreso, che sono l’allenatore al primo anno di B ed i risultati parlano dalla nostra parte. Tatticamente mi sono confrontato insieme allo staff con altri allenatore sia più esperti che più giovani ma con idee importanti, e questo mi ha sicuramente migliorato, perché dal confronto con chi è piu esperto e più preparato a questo tipo di campionato si riesce a cogliere alcune sfumature che vedevi meno in anni precedenti“.

Noi incontreremo una squadra come il Frosinone che ha da dire tanto a questo campionato, però il calendario è questo, ci mette di fronte un avversario forte e di valore, ma noi dobbiamo fare di tutto per vincere la partita. La squadra ha voglia e motivazione perché sarebbe un grande risultato per noi raggiungere gli spareggi per la promozione“.

Riguardo a questo finale di campionato ci sono squadre che come calendario parevano avvantaggiate ed invece hanno avuto difficoltà poi ci sono state squadre come Livorno e Benevento che sono uscite dal campionato un po’ prima anche se per motivi diversi“.

Sui tifosi è sempre difficile trovare parole riguardo all’affetto che ci dimostrano ogni giorno, basta andare in giro per la città ed io e i ragazzi avvertiamo la passione che hanno per la squadra, e si è creato  il connubio giusto perché il tifoso pisano vede il  massimo impegno della squadra in campo“. 

By