Luca D’Angelo: “Arzachena in un buon momento. Sarei felice di restare a Pisa”

PISA – Alla vigilia della sfida contro l’Arzachena prima per la partenza per Fiumicino ha parlato il tecnico nerazzurro Luca D’Angelo.

di Giovanni Manenti 

ARZACHENA IN UN BUON MOMENTO. “Quella di sabato non sarà una partita facile poiché l’Arzachena è in un buon momento e quello che mi rassicura è il fatto che gli infortunati che non saranno disponibili per le prossime due gare, sono sulla via del recupero. Per la sostituzione di Verna non ho grandi problemi perché ho valide alternative sia dal punto di vista degli elementi che dello schieramento tattico, potendo scegliere tra il 4-3-1-2 ed il 3-5-2, due schemi peraltro entrambi offensivi rispetto a quanto si potrebbe credere”.

SQUADRA CONSAPEVOLE DELLA FORZA. “In ogni caso noi faremo la nostra partita indipendentemente dalla tattica e dell’avversario, cercando di imporre il nostro gioco, cosa che non ci è riuscito perfettamente sabato scorso dove dal punto di vista della manovra la Juventus ci è stata superiore. La squadra ha ora acquisito una sua consapevolezza della propria forza, utile per saper gestire le situazioni di gioco più difficili ed anche soffrire quando necessario.

SUL RINNOVO. “Per il rinnovo del mio contratto, da parte mia non ci sono problemi di alcun tipo, sono felice di stare al Pisa e spero di poter continuare a far bene e mi conforta anche il fatto che la società sta già programmando il futuro avendo riguardo anche ai recenti rinnovi dei giocatori, una circostanza che non può che facilitare il lavoro di un tecnico”.

MAGGIORE CONCENTRAZIONE. “Per la gara di sabato ho chiesto ai ragazzi una maggiore concentrazione possibile in ogni situazione di gioco, considerato come i nostri avversari facciano della compattezza la loro forza, ma sono fiducioso visto lo stato di forma della rosa, sia fisico che tattico e mentale”.

110 ANNI PISA SC. “Se mi chiedete due parole sui 110 anni dalla Società non posso che ribadire di essere stato piacevolmente sorpreso da quanti giocatori che io vedevo solo in Tv o nelle figurine e che poi hanno calcato i più importanti campi internazionali non hanno voluto mancare all’evento oppure inviare i loro messaggi di augurio, a conferma dell’attaccamento a questa Piazza che garantisco è molto difficile trovare in altre località”.

By