Luca D’Angelo: “Derby una partita non come le altre. Sarà importante l’approccio”

PISA – Alla vigilia del derby con il Livorno parla il tecnico del Pisa Luca D’Angelo.

“Per noi vincere sarebbe importante sia per la classifica che per il morale, mentre non credo che per il Livorno si tratti della gara da ultima spiaggia, come conferma il suo cammino lo scorso anno nonché il fatto che sinora ha raccolto meno di quanto avesse meritato, avendo perso molti punti negli ultimi minuti”.

“Sappiamo che dal punto di vista emozionale sarà importante l’approccio emozionale alla gara, con la speranza di poter recuperare De Vitis per il quale decideremo dopo la rifinitura, mentre Lisi sarà sicuramente in campo, con la scelta del modulo (3-5-2 o 4-3-1-2) che non sarà determinato dalla presenza o meno di De Vitis”.

“È un bel derby perché l’attesa aumenta l’adrenalina, ma un po’ frustrante per il tecnico perché non può sfogare la tensione in campo, mentre gli 8 giocatori che hanno già disputato la gara due anni fa ne hanno parlato con i compagni per far capire loro quale sia il clima della partita”.

“Il fatto che entrambe le squadre non vincano da tempo non ci condizionerà più di tanto perché come sempre cercheremo di fare la nostra gara, anche se i primi minuti saranno importanti per far sì che la gara possa indirizzarsi in favore dell’una o dell’altra squadra”.

“Il fatto che Marras sia il punto di riferimento del Livorno non sta a significare che predisporremo una marcatura specifica su di lui, mantenendo il nostro modo di giocare a zona e quindi sarà preso in consegna da chi si troverà in tale zona del campo, mentre per quel che riguarda Marin, è vero che non è stato impiegato nelle ultime giornate, ma solo perché non si era allenato bene e poi perché era tornato tardi dall’impegno in Nazionale e quindi è a disposizione come tutti gli altri, compreso un Moscardelli pienamente recuperato, fermo restando che non si può negare che non si tratta di una partita come le altre, sia per il contesto che per le aspettative delle rispettive tifoserie”.

By