Luca D’Angelo: “Guai ad abbassare la guardia. Soddisfatto della rosa. Ci aspetteranno e agiranno di rimessa”

PISA – Alla vigilia della sfida contro il Cuneo parla il tecnico nerazzurro Luca D’Angelo.

di Giovanni Manenti

DIFFICILE GESTIONE. “Non è stato facile gestire i continui rinvii per l’inizio del campionato, ma credo di essere riuscito a tenere alta la concentrazione dei ragazzi che vedo che mi stanno seguendo al meglio”

SODDISFATTO DELLA ROSA. “Sono soddisfatto della rosa a mia disposizione, ero consapevole delle necessità di ridurre i costi da parte della società, ed il cammino positivo in Coppa Italia ha dimostrato come i ragazzi abbiano affrontato al meglio questo inizio di stagione e sicuramente è stato utile per aumentare l’autostima dei singoli, anche se il campionato è tutta un’altra cosa”.

EMOZIONI DA DEBUTTO. “È indubbio che domani sarò emozionato per il debutto all’Arena, non nascondo che personalmente lo sono sempre, mi venisse meno vorrebbe dire che non ho più gli stimoli per allenare”.

QUESTIONE GIRONI. “Per ciò che riguarda le problematiche relative alla questione della composizione dei gironi e dei calendari ancora non completamente definiti, è una questione di cui non intendo farmi carico, poiché il mio compito è quello di allenare la squadra e metterla in condizione di fare il meglio possibile, il resto non è di mia competenza”.

NON ABBASSARE LA GUARDIA. “Il fatto che il Cuneo sia una formazione partita per ultima quanto a composizione dell’organico per problemi societari non ci deve fare abbassare la guardia, anche se ci attendiamo che loro giocheranno una gara di contenimento cercando di colpirci in contropiede ed il fatto che sulla panchina ci sia Scazzola che io ho sostituito l’anno scorso a Caserta non ritengo che incida sull’esito dell’incontro”.

OUT BRIGNANI. “Per quanto riguarda i giocatori a disposizione, sono tutti abili ed arruolati ad eccezione di Brignani che conto di poter recuperare per la gara contro l’Arezzo”

DE VITIS IN DIFESA. “La posizione di De Vitis quale difensore centrale è stata inizialmente dettata dall’emergenza ma poi è diventata una scelta definitiva al momento che ho avuto modo di verificare la sua attitudine al ruolo”.

By