Luca D’Angelo: “La sosta è servita per recuperare gli infortunati. Stiamo meglio dell’esordio”

PISA – Alla vigilia della gara contro la Cremonese parla l’allenatore del Pisa Luca D’Angelo.

di Giovanni Manenti

SOSTA PER RECUPERARE GLI INFORTUNATI. “La sosta del campionato è stata utilizzata per recuperare alcuni giocatori che non erano al meglio come condizione fisica, mentre per ciò che riguarda i nuovi, Fabbro è già più avanti degli altri e per domani avrò tutti a disposizione tranne Moscardelli e Liotti”.

L’AVVERSARIO. “La Cremonese è una delle favorite per la vittoria del campionato, la loro forza è sia nei singoli che nella compattezza della squadra e noi ci siamo preparati per affrontare il loro schema base 3-5-2 pur essendo duttili a secondo di come scenderanno in campo”.

I NUOVI ARRIVI. “Varnier può giocare in tutti e tre i ruoli della difesa e la cosa più importante è che è completamente guarito dai problemi fisici che ne hanno condizionato la scorsa stagione, al pari di Ingrosso. Sono convinto che nelle prossime giornate potranno essere impiegati, al pari di Di Quinzio che oramai è pienamente recuperato”.

SUBITO LE PIÙ FORTI. “Il fatto che il calendario ci abbia riservato le più forti del torneo nelle prime giornate innanzitutto significa che ora le possiamo affrontare perché siamo in una categoria superiore e forse non è un male poiché si sa che le squadre di vertice programmano la stagione sul medio-lungo periodo e quindi non possono essere al massimo in questa fase del campionato”.

FABBRO SOMIGLIA A MASUCCI. “Per quel che riguarda le caratteristiche di Fabbro è un giocatore molto veloce che somiglia molto a Masucci e credo che possa divenire molto utile come valida alternativa, come non posso negare che Lisi, da debuttante in Serie B abbia iniziato molto bene, grazie all’impegno che mette settimanalmente negli allenamenti al pari dei suoi compagni, perché questa è la filosofia della nostra squadra”.

STIAMO MEGLIO. “Rispetto all’esordio con il Benevento, abbiamo il vantaggio di avere i giocatori convocati in una condizione fisica nettamente migliore, nel mentre per quanto riguarda la composizione del centrocampo devo ancora valutare se optare per una versione più prudente o più offensiva, fermo restando che cercheremo in ogni caso di imporre il nostro gioco perché questa è la nostra caratteristica a cui non intendiamo rinunciare”.

By