Luca D’Angelo: “La squadra non è in calo. Siamo in crescita e abbiamo meno punti di quello che meritiamo”

PISA – Alla vigilia della sfida con la Cremonese ha parlato in conferenza stampa prima della partenza per la Lombardia mister Luca D’Angelo.

di Giovanni Manenti

“Abbiamo fatto meno punti di quanto pensassimo e meritassino di fare nelle ultime gare, ma ci sono ancora tantissime partite ed è importante concentrarsi su ogni incontro per far più punti possibili”.


“Caracciolo è un ottimo acquisto, è già pronto per giocare e sono contento per come si è comportata la società sul mercato, ma vorrei sottolineare come sabato scorso il Pisa è sceso in campo con dieci undicsimi dell’organico che avevamo a luglio, il che sta a dimostrare come vi sia stata anche una crescita complessiva dell’organico, uno tra questi Fabbro che è tra l’altro un esordiente in B, mentre gli acquisti di Pisano e Caracciolo erano necessari per compensare le assenze di lungo periodo”.


“È difficile valutare il perché la Cremonese non abbia rispettato le attese della vigilia, ma resta una formazione valida e c’è tempo per recuperare, noi dovremo essere bravi a fare la partita sulla base della velocità e della condizione fisica dei nostri giocatori”.


“Non credo che ci sia un calo fisico negli ultimi minuti, sabato avevamo il controllo della partita e la rete è avvenuta a seguito di un calcio piazzato per una di quelle situazioni che purtroppo nel calcio avvengono. L’importante è non avere ripercussioni sul morale”.

“I ragazzi sono tutti a disposizione tranne Meroni, Varnier ed Ingrosso, oltre a Marconi squalificato, nei cui confronti ero inizialmente arrabbiato per l’espulsione ma poi, rivedendo le immagini e letto il referto arbitrale, mi sono reso conto che in effetti non aveva fatto niente di particolarmente grave e comunque l’assenza di Cremona può essere più facilmente ammortizzato visto che ho quattro attaccanti a disposizione. Marconi dovrà purtroppo abituarsi a trattamenti duri nel prosieguo del torneo, cosa che accade ai giocatori forti come lui”.


“Il fatto che si sia spesso costretti a giocare in trasferta alle ore 21, al di là di qualche difficoltà di natura logistica, è anche testimonianza di quanto il Pisa sia appetibile a livello mediatico, sia da parte della Rai che di Dazn ed, in ogni caso non possiamo farci niente”.

By