Luca D’Angelo: “Momento difficile, ma il campionato è lungo e noi diremo la nostra”

PISA – Il mister nerazzurro Luca D’Angelo ha parlato prima della partenza per Vicenza dove il Pisa sabato 31 ottobre alle ore 16 affronterà I biancorossi allo stadio “Romeo Menti“.

di Maurizio Ficeli

Abbiamo giocato una gara buona a Chiavari anche se il risultato è stato negativo, però da allenatore devo dire che la squadra ha disputato una gara giusta sotto molti punti di vista ed avremmo meritato certamente di più, ma adesso dobbiamo pensare alla partita di domani pomeriggio a Vicenza. Dobbiamo cercare di portare a casa la vittoria, giocheremo per farlo, non speculeremo su niente perché l’indole della squadra è quella, non dobbiamo pensare che siccome i risultati non sono positivi, sia tutto da buttare via perché non è così”.

“Ci sta che ci sia un po’ di delusione fra di noi perché i risultati non arrivano però dobbiamo continuare a credere nelle cose che facciamo e che cerchiamo di proporre durante la settimana” .

“Il Vicenza è una squadra molto esperta e fra le più grandi a livello di età, è una buona squadra, ho visto la loro partita a Ferrara, non avrebbero meritato la sconfitta, quindi sappiamo che ci aspetta un avversario molto temibile. Riguardo a Vido egli può giocare sia come trequartista che come punta quindi nel corso del campionato lo potremo vedere in queste due posizioni mentre il fatto di Birindelli come mezzala è stata una soluzione dovuta ad una emergenza a livello di centrocampo e se riesce a recepire certi movimenti potrebbe giocare da interno a centrocampo”.

“Sui gol subiti, tutti i campionati sono costellati di tanti gol, effettivamente stiamo un po’ esagerando in quanto ne abbiamo presi un po’ troppi, quindi dovremo migliorare l’equilibrio in campo, evitando di allungarsi troppo e restando compatti. La ricetta non ce l’ha nessuno però in questo momento bisogna restare uniti, cercando di mettere in campo tutte le nostre forze per migliorare la posizione in cui ci troviamo, perché il campionato è lungo e noi diremo in maniera positiva la nostra“.

By