Luca Guidetti in esclusiva a Pisanews : “Un risultato positivo con il Pisa per noi sarebbe una piccola rivalsa a quella tragica eliminazione anche se sulla carta non partiamo favoriti”

 

PISA – Dopo il pareggio interno nel derby con il Siena,i nerazzurri di Mister Carmine Gautieri sono attesi da una trasferta ostica, in quel di Monza, contro una squadra,quella brianzola, reduce da una sconfitta esterna in quel di Pistoia,e vogliosa di riscatto, ma anche il Pisa ha bisogno di punti per non staccarsi troppo dalla vetta della classifica. Pisanews ha voluto sentire come è l’attesa in casa monzese, riguardo a questa gara contro i nerazzurri, intervistando, con il placet dell’ufficio stampa della società lombarda, che ringraziamo, il capitano dei biancorossi Luca Guidetti, Centrocampista, milanese di nascita, classe 1986.

di Maurizio Ficeli 

D. Grazie Luca per aver accettato l’invito del nostro portale: sei nel Monza da due stagioni; puoi fare un bilancio riguardo alla tua militanza nella squadra brianzola e quali sono le tue aspirazioni future?

R. “È appena iniziato il mio secondo anno a Monza. Il primo è stato ricco di soddisfazioni, in primis giocare in una piazza come Monza che nulla aveva a che vedere con un campionato di serie D. Riportare questa società dove merita era il primo obiettivo, farlo vincendo anche lo scudetto è stata la ciliegina sulla torta. Ora tutto è acqua passata e dobbiamo dimostrare il nostro valore in un campionato che non ha nulla a che vedere con quello appena disputato. Questo è quello a cui tengo di più sia per me che per la squadra”.

D. Hai,appunto,raggiunto questa serie C con i colori del Monza, dopo una militanza di tutto rispetto in serie D. Con quale spirito ti prepari ad affrontare insieme ai  tuoi compagni di squadra, un campionato professionistico?

R. “Sappiamo che sarà un campionato duro e molto competitivo e quello che abbiamo fatto lo scorso anno non basterà più. Siamo consapevoli di tutto ciò ma anche sicuri che se lavoriamo sodo  giorno dopo giorno potremo dire la nostra”.

D. Venite da una sconfitta a Pistoia: che gara è stata quella disputatasi al “Melani” e come hai visto la squadra arancione?

R. “È stata una gara nella quale abbiamo affrontato una squadra compatta, devota al sacrificio e che per 90’ non ha mai smesso di correre. Affrontare squadre così è sempre molto difficile soprattutto se non si riesce subito a sbloccare il risultato. Sono sicuro che gli arancioni faranno un ottimo campionato se saranno capaci di mantenere lo stesso approccio con tutte le squadre del torneo”.

D. E domenica prossima verrà a farvi visita, al “Brianteo” un Pisa dato dai pronostici come squadra favorita per la promozione, ma che sta facendo un pò di fatica: come state preparando questa gara e cosa temete in particolare della compagine toscana?

R. “Sicuramente il Pisa è una delle favorite, ha una rosa ampia e con tantissimi giocatori di qualità a cui la categoria sta quasi stretta. Non potremo permetterci disattenzioni sopratutto in fase difensiva perché andare sotto con squadre del genere sarebbe dura da rimettere in piedi”

D. Ci sarà anche qualche motivo di rivalsa per quella promozione conquistata il 17 giugno 2007 dal Pisa ai playoff, proprio a spese del Monza, oppure è acqua ormai passata?

R. “Partite del genere difficilmente vengono dimenticate e sono sicuro che un risultato positivo contro il Pisa sarebbe una piccola rivalsa a quella tragica eliminazione. Speriamo tutti di poter regalare questa gioia ai nostri tifosi anche se sulla carta non partiamo come favoriti”.

D. Quali sono le tue caratteristiche di centrocampista e quale modulo di gioco prediligi in particolare?

R. “Ho sempre giocato centrocampista centrale nel centrocampo a 4 ma anche play davanti alla difesa. Negli ultimi anni invece ho spesso giocato mezzala. Insomma, diciamo che ho ricoperto più o meno tutti i ruoli della centrocampo tranne sulle fasce. La velocità non è mai stata una delle mie più spiccate caratteristiche”.

D. Sulla carta questo campionato ha sentenziato come favorite alcune squadre come Alessandria e Livorno, oltre, appunto, al Pisa: condividi questo pronostico oppure, anche sulla base dei risultati di queste prime giornate, qualche previsione è cambiata?

R. “Quelle nominate sono sicuramente le favorite per la vittoria finale anche se, sulla base dei primi risultati, abbiamo appurato quanto sia equilibrato il campionato. Organizzazione, atteggiamento e compattezza possono mettere in difficoltà chiunque, anche squadre che sulla carta possono sembrare favorite”.

D . Per concludere, come ti immagini questa gara fra Monza e Pisa, quali insidie potrà nascondere sia per voi che per il Pisa e, inoltre,  quale potrà essere, a tuo avviso, un fattore determinante per sbloccare il risultato a favore vostro o dei nerazzurri?

R. “Difficile da dire. Ogni partita è storia a sé e fare previsioni risulterebbe azzardato. Spero sia una partita combattuta fino all’ultimo e che possa darci le risposte che cerchiamo. Ovvero che anche una neo promossa ricca di giovani e ragazzi che non hanno mai fatto questa categoria possano dire la loro in serie C”.

Foto tratta da www.tuttocalciatori.net

By