Luca Paganini: “Il Pisa è una squadra ben organizzata, dovremo essere determinati e aggressivi”

PISA – Ancora una prestazione da incorniciare, leggermente al di sotto di quella fornita contro la Salernitana quando è andato anche a segno, ma pur sempre grande prova. Luca Paganini si sta rivelando comunque un’arma in più in questi playoff che vedono il Frosinone sempre più lanciato verso la doppia finale dell’1 e 7 giugno prossimi.

Oltre al senso tattico, il giovane attaccante giallazzurro sta abbinando anche una forma atletica smagliante, tanto da diventare una pedina inamovibile nello scacchiere disegnato da mister Stellone. Lui però preferisce restare con i piedi per terra perchè il cammino verso la serie B è ancora lungo e irto di insidie. “Fisicamente sto benissimo. E’ nelle mie caratteristiche chiudere la stagione in crescendo. Se vi ricordate, anche quando abbiamo vinto lo scudetto con la Berretti ero in gran forma e ritengo di essere stato uno degli artefici di quel successo. Ripeto, mi sento benissimo e sono felice che mister Stellone possa fare affidamento su di me. A lui devo molto e lo ringrazio per la fiducia che mi sta accordando. Vorrei anche ringraziare il dottor Francesco Ghirelli, direttore generale della Lega Pro, per le belle parole che ha avuto nei miei confronti dopo la vittoria contro la Salernitana. Spero di continuare così, anche se occorre stare attenti perché le insidie si nascondono in ogni momento e quando meno te lo aspetti”.

A Pisa si poteva anche far il colpo che avrebbe consentito di affrontare con maggiore tranquillità il ritorno?

“Abbiamo avuto qualche buona occasione, soprattutto quella capitata a Daniel Ciofani. Però anche il pareggio è un risultato che ci può star bene in vista della gara di ritorno di domenica prossima. Abbiamo comunque confermato una bella solidità sia fisica che mentale. Ed è importante in questo momento che ci vede protesi verso il raggiungimento del traguardo che non possiamo assolutamente fallire”.

Che impressione ti ha fatto il Pisa?

“E’ una squadra ben organizzata che sta facendo molto bene e, quindi, va rispettata al massimo. Anche perché tutte le squadre che arrivano ai playoff hanno le medesime chances di quelle magari più accreditate. Tra l’altro anche i toscani hanno un’Arma in più, il quale per caratteristiche somiglia molto al nostro Daniel Ciofani perché è abile nel far salire la squadra”.

Cosa bisognerà mettere in campo domenica prossima, oltre alla forma strepitosa di Paganini?

“Dobbiamo ripetere, se non migliorare la prestazione fornita contro la Salernitana. Bisognerà quindi partire aggressivi e determinati perché prima o poi il gol lo facciamo. E poi vogliamo far rispettare la legge del Comunale dove, in questo campionato, non è passato nessuno ed abbiamo concesso veramente poco. Per quanto mi riguarda spero di essere confermato e continuare a dare il massimo, come stanno facendo anche i miei compagni di squadra, per questa maglia con cui voglio vincere qualcosa di importante”.

Magari vi augurate di nuovo lo stadio pieno, anche se vanno elogiati e ringraziati quei trecento tifosi che all’Arena Garibaldi non vi hanno fatto mancare il loro incitamento?

“La trasferta di Pisa era abbastanza lontana – conclude Luca Paganini – Nonostante ciò i nostri affezionati sostenitori ci hanno raggiunto e incitato per tutti e novanta i minuti. Sono impagabili e, anche a nome dei miei compagni, vorrei ringraziarli di cuore. E’ chiaro che, in vista della prossima gara interna, ci aspettiamo una presenza massiccia allo stadio, come accaduto recentemente soprattutto in occasione del match con la Salernitana. Siamo arrivati alla gara decisiva che ci può e ci deve aprire le porte per la doppia sfida di finale”.

Si ringrazia Tommaso Cappella de il quotidiano La Provincia di Frosinone per la concessione integrale dell’intervista

SOTTO LUCA PAGANINI (foto tratta da fuoriareaweb.it)

20140520-010440.jpg

By