Lucca e Pisa insieme per la riscossione dei tributi

PISA – Firmato il protocollo d’intesa in tema di riscossione delle entrate locali tra il Comune di Lucca ed il Comune di Pisa.

Per supportare i comuni verso forme di riscossione delle proprie entrate alternative ad Equitalia, i comuni toscani stanno supportando l’avvio di diverse procedure.

Il Comune di Pisa, dal 2005, si avvale della collaborazione della SEPI, società cui è stato affidato il servizio di gestione e riscossione, sia spontanea che coattiva, delle entrate tributarie ed extratributarie.

Il Comune di Lucca, pertanto, ha individuato nel Comune di Pisa un ottimo partner e martedì 30 luglio, il “patto” è stato siglato a Palazzo Gambacorti. Il Comune di Lucca guarda quindi all’esempio pisano al fine di intraprendere un percorso volto ad individuare le modalità più idonee per attuare la riscossione a partire dal primo gennaio 2014.

L’equivalente SEPI lucchese sarà Lucca Holding Service: la collaborazione tra gli enti rappresenta un’opportunità non tanto e non solo per Lucca, ma anche per Pisa che mette a disposizione la propria esperienza ed intende avviare un rapporto di collaborazione che rappresenti un’opportunità positiva per individuare, approfondire e condividere soluzioni e modalità operative.

«I lucchesi sono, tradizionalmente, molto attenti ai denari, si sa – scherza il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini – Abbiamo guardato a Pisa, non solo perchè comune limitrofo, ma anche perchè abbiamo attentamente esaminato il lavoro di SEPI, la cui esperienza è ottima, così come i suoi risultati.

Abbiamo chiesto a SEPI di iniziare una collaborazione con la Lucca Holding Service, il braccio operativo del Comune, al fine di insegnarci a sviluppare le abilità e le competenze anche nel nostro territorio e “risparmiarci” gli errori dettati dall’inesperienza. L’obiettivo non è solo la tenuta finanziaria del Comune, ma anche una scelta etica che passa dalla necessità di stabilire le condizioni eque per tutti i cittadini».

Il Sindaco di Pisa, Marco Filippeschi: «La collaborazione tra comuni non può che farmi piacere, c’è bisogno di vedere in modo diverso e dal di fuori quello che è il nostro ruolo: il rapporto con un comune che è strettamente legato a Pisa mi rende molto soddisfatto. Come bagaglio, Pisa porta l’esperienza di SEPI, che ha avuto valutazioni positive ed un riscontro forte per quanto riguarda la situazione finanziaria del Comune. Auspico – continua il Sindaco – che riprenda impeto anche la collaborazione su altri versanti, come ad esempio quello riguardante il turismo. Consonanze e differenze ci completano e fanno di Pisa e Lucca, sul piano quantitativo, un polo di attrazione turistica tra i primi in Italia.

«Pisa è il nostro aeroporto – ha affermato il Sindaco Tambellini – E’ ottimo per il turismo di prossimità. Il nucleo Lucca-Pisa può competere con realtà come Venezia o addirittura anche maggiori. Lavorando e credendo in questo progetto, quello che oggi è un auspicio potrà diventare realtà».

Antonio Sichi, assessore con delega alle finanze, personale e patrimonio, afferma soddisfatto che «la sinergia tra Comuni è necessaria: abbiamo esaminato le esperienze virtuose che ci sono in giro ed abbiamo constatato che SEPI è quella che ha dato risultati migliori e per questo abbiamo voluto avviare la collaborazione anche per il Comune di Lucca».

«SEPI, oltre ad effettuare il lavoro di riscossione – spiega il Direttore di SEPI, Claudio Grossi – è radicata nel territorio , conosce la cittadinanza e svolge un’attività a 360 gradi di gestione del tributo, a differenza di Equitalia. Siamo attenti alle situazioni critiche della nostra cittadinanza».

L’Assessore al bilancio del Comune di Pisa, Andrea Serfogli si dice «ben lieto di collaborare con Lucca per contribuire a far nascere in una realtà limitrofa un’esperienza analoga. Uno scambio di esperienze e di buone pratiche che costituisc euno strumento importante per entrambi i comuni».

20130730-182116.jpg

You may also like

By