Lucio Battisti, le sue parole e la sua musica per il nuovo ospedale dei bambini della Stella Maris

PISA –  Sarà una bellissima serata di musica, parole e solidarietà quella organizzata dalla  Arciconfraternita di Misericordia di San Romano, con il Patrocinio del Comune di Montopoli V/A e della Parrocchia San Giuseppe di Le Capanne,  a favore del Nuovo Ospedale dei bambini di Stella Maris che verrà costruito in zona Cisanello di Pisa.

La famosa Cover-band IL BANCHETTO in Concerto, suonerà  le bellissime canzoni di Lucio Battisti.

Appuntamento, per  Venerdì 1 febbraio 2019, alle ore 21,30 al Cinema-Teatro Don Terreni di Le Capanne (Pisa).

Per i biglietti rivolgersi  al sig. Paolo Cell.: 3386182422

 

LA STELLA NASCENTE. Un lungo cammino di crescita di 60 anni ha portato la Fondazione Stella Maris, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS),  ad essere un punto di riferimento nazionale ed internazionale per la diagnosi, la terapia e la riabilitazione delle malattie del cervello e della mente. L’unico monotematico in Italia, una vera eccellenza del settore.

Per questo al fine di rispondere al meglio ai nuovi bisogni dei bambini e delle loro famiglie è nata la folle idea di costruire un nuovo Ospedale. Un ospedale dalla forma “leggera”, vestito di vetro e di luce che  si inserisce armonicamente nel parco che lo attornia, così sensibile all’ambiente da adottare avanzate tecnologie che attingono dagli antichi saperi, come l’utilizzo di un tessuto (l’efte), resistente, trasparente e più leggero del vetro che rivestirà il complesso architettonico per schermare la luce. Vele issate a guardare il cielo di uno speciale veliero bianco, a ricordare il viaggio del bambino nel percorso di cura. La nuova struttura avrà elevati standard di accoglienza, comfort, sicurezza e tecnologia applicata alla diagnosi e terapia. Proprio per la sua collocazione geografica il Nuovo Ospedale ospiterà anche bambini con gravissime patologie.

 

IL BANCHETTO. E’ un gruppo amatoriale di musicisti in attività dalla metà degli anni ’80 nell’area fiorentina, ma il cui nucleo storico ha iniziato a suonare fin dalla seconda metà del decennio precedente.

E’ una cover-band che interpreta musica di altri artisti, filtrandola attraverso la propria sensibilità ed esperienza musicale, dedicandosi principalmente ai repertori di LUCIO BATTISTI (dal 1985) e FABRIZIO DE ANDRE’ (dal 1999). Dal 2010 il gruppo e’ accreditato tra le cover band italiane presso la FONDAZIONE FABRIZIO DE ANDRE’ ed ha al suo attivo collaborazioni con artisti prestigiosi come la compagnia teatrale ARCA AZZURRA TEATRO (in particolare con Massimo Salvianti e Dimitri Frosali), il TEATRO DELLE SPIAGGE di Nicola Zavagli e Beatrice Visibelli e l’attore Mauro Monni, coi quali ha collaborato per spettacoli su “Spoon River” e “La Buona Novella” con l’affiancamento dei brani di De Andre’ ai testi originali di Edgar Lee Masters o dei Vangeli Apocrifi.

Frequentemente ospite del TEATRO DEL SALE di Fabio Picchi e Maria Cassi, IL BANCHETTO ha partecipato in passato alle edizioni di “Terra Futura” alla Fortezza da Basso di Firenze ed è ospite fisso della FIRENZE MARATHON (sia durante la gara che per le cene ufficiali all’OBI-HALL) nonché di “Nottilucente” (la Notte Bianca di San Gimignano). La sua intensa attività live invernale nei teatri, in estate si trasferisce all’aperto con concerti in tutta la Toscana e la Liguria.

Il gruppo non disdegna anche altre esperienze riconducibili alla proprio formazione artistico-musicale: monografie di IVANO FOSSATI e THE BEATLES; rock britannico, country-rock californiano e progressive italiano; concerti a tema come per i progetti “ROCK IN CELLULOIDE” (tutti brani presenti in colonne sonore di film), “CANTARE DI DONNE” (tutti brani dedicati all’universo femminile, in genere per concerti dell’ 8 Marzo), e le recenti collaborazioni con l’ OSSERVATORIO DI ARCETRI per le serate a tema “ASTRONOMIA IN MUSICA – VIAGGIO MUSICALE NELL’UNIVERSO” (brani italiani e stranieri dedicati al cosmo, alternati alla divulgazione scientifica degli astronomi del prestigioso osservatorio fiorentino).

By