L’ultimo commosso saluto a mister Gigi Simoni. Ciao gentiluomo del calcio italiano!

PISA – Tanta commozione nell’ultimo saluto a mister Gigi Simoni avvenuto domenica 24 maggio nella Basilica di San Piero a Grado. L’allenatore gentiluomo riconosciuto da tutto il calcio italiano. Mai una parola sopra le righe, mai una risposta sbagliata. Garbo, umanità e pacatezza lo diffetenziava dagli altri. E nonostante i divieti imposti dall’emergenza Covid-19 sono giunti in molti alla spicciolata per salutare l’ex mister di Pisa e Inter.

di Antonio Tognoli

Padre Donbosco
Il feretro lascia la Basilica di San Piero a Grado

Due promozioni con il Pisa nell’era Anconetani. Sette dalla B alla A. Una Coppa Uefa nel 1998 con l’Inter. Da calciatore una Coppa Italia con il Napoli. Le lacrime sul volto dei familiari, della moglie Monica Fontani e del figlio Leonardo. Gli amci di sempre che lo accompagnavano in ogni estate. Presente un nutrito gruppo dell’Inter Club Boccadarno di Marina di Pisa. All’interno della Basilica molti fiori inviati dalle molte società in cui mister Simoni ha lavorato, due fra queste la Cremonese ed il Gubbio.

Le parole di Daniele Bernazzani ex centrocampista di Pisa ed Inter
Bernazzani e Stafico a San Piero a Grado
Il Sindaco Michele Conti e Massimo Novi
Le parole di Igor Protti sulla persona di mister Gigi Simoni

Il feretro è arrivato circa due ore prima dell’inizio della funzione religiosa. L’ingresso è stato contingentato dal lavoro della Polizia Municipale coordinato dal Maresciallo Massimo Novi. Non più di cento le persone all’interno della Basilica per le misure dovute al Coronavirus.

Fra i giocatori presenti l’ex portiere di Cremonese e Udinese Luigi Turci attuale allenatore dei portieri del Milan, l’ex bomber di Livorno e Lazio Igor Protti, l’ex difensore nerazzurro Gabriel Raimondi, gli ex centrocampisti Daniele Bernazzani, Ilde Stafico e Lido Malasoma oltre all’ex direttore del Pisa Pietro Tomei. Per l’amministrazione comunale di Pisa oltre il Sindaco Michele Conti era presente l’assessore al turismo Paolo Pesciatini. Non è voluto mancare all’appuntamento l’ex Sindaco di Pisa, il senatore Paolo Fontanelli. Per la famiglia Anconetani erano presenti Adolfo e Matteo.

Durante la funzione all’interno della Basilica

Era doveroso essere qua oggiafferma l’ex attaccante di Livorno e Lazio Igor Protti che ha seguito per intero l’ultimo saluto a mister Simoni – è stato un grande uomo, ha fatto la storia del Pisa. Era un signore della panchina. Se tutti lo dicono ci sarà un motivo“, ha concluso Protti.

Gigi Simoni ha sempre allenato con gioia e passione numerose squadre lasciando sempre il segno – afferma Padre Donbosco parroco di origine Indiana nell’omelia – Il suo contributo fu signifucativo per il nostro Pisa per l’arrivo in serie A. Ha amato il calcio, era una persona umana. Vorrei ricordare Gigi in questo momento, sono cicino alla moglie Monica e suo figlio Leonardo. Era un uomo che apprezzava i valori umani, ha sempre diffuso onestà rispetto e generosità, il suo aiuto ai bisognosi era noto. Non si è mai rifiutato di aiutare il prossimo in difficoltà. Non ha mai sfruttato la sua notorietà. Sempre pacato e umile, un uomo di fede ha avuto anche un periodo di dolore per la scomparsa di suo figlio nel 1999. Gigi ci ha lasciato proprio nel giorno di Santa Rita, ha sempre desiderato rimanere qua nella sua casa, nella sua parrocchia, ha vissuto per 20 anni a San Piero a Grado“, ha concluso il parroco di San Piero a Grado.

Molti i fiori presenti all’interno della Basilica


Alla fine della funzione poche ma toccanti le parole della moglie Monica Fontani: “Eravamo una coppia molto riservata. Gigi amava la riservatezza. La malattia ci ha uniti ancor di più, il nostro è stato da sempre un legame indissolubile che neanche la morte potrà spezzare. Tu sei parte di noi e noi resteremo sempre parte di te. La vita ti ha regalato soddisfazione. Hai fatto della tua passione un lavoro. Ti ho sempre voluto bene e te ne vorrò per sempre“.

Lealtà rispetto ed educazione, queste erano le tue prerogative – afferma il giornalista amico di Gigi, Luca Tronchetti – Avevi quel sorriso gentile di sottile ironia alle ingiustizie ricevute. Sei stata una persona speciale, un gentiluomo di altri tempi. Una rotta giusta ds seguire. Ciao Gigi non ti dimenticheremo mai“.

Il feretro di Mister Luigi Simoni ha lasciato la Basilica di San Piero a Grado intorno alle ore 17.20 per essere trasferito alla Pubblica Assistenza di Pisa. Il 3 Giugno all’interno della Sua Arena Garibaldi sarà ancora ricordato con un omaggio pubblico.

By