Luminara 2016, tutto pronto per la notte più magica dell’anno

PISA – Sui Lungarni si rinnova ogni anno, all’imbrunire del 16 giugno, l’incantesimo della Luminara di San Ranieri

I lumini vengono meticolosamente deposti in bicchieri, ed appesi in telai di legno, dipinti di bianco (in gergo: “biancheria”), modellati in modo da esaltare le sagome dei palazzi, dei ponti, delle chiese e delle torri che si affacciano sui lungarni pisani. Quest’anno saranno illuminati 133 palazzi, 5 più dell’anno scorso, con l’aggiunta del tratto di lungarno Buozzi che va dal ponte della Fortezza a piazzetta Del Rosso. In totale oltre 17 km di biancheria e 110mila lumini che specchiandosi sull’Arno creano un meraviglioso e suggestivo spettacolo unico al mondo iscritta nella lista dei Patrimoni Italiani Unesco. Una manifestazione storica di cui si hanno le prime tracce nel 1337, mentre la prima data ufficiale è il 25 marzo 1688, quando venne traslata l’urna contenente il corpo di Ranieri degli Scaccieri. Un evento che ha saputo evolversi nei secoli rimanendo nel cuore dei pisani come la festa più importante dell’anno per la città.

Il programma. Alle 15 entreranno in campo 350 persone divise in 35 squadre per iniziare l’accensione dei lumini che faranno entrare ancora una volta Pisa nella magia della notte di San Ranieri. Alle 21 circa l’accensione dell’illuminazione della Torre Pendente. Alle 23 circa l’inizio dello spettacolo pirotecnico-musicale sui lungarni, con 14 chiatte posizionate sul fiume, e alla Cittadella, con una spettacolare scenografia di cascate e fiamme dal Ponte di Mezzo. Il tema sarà la cosmogonia e la nascita dell’universo. Nei pressi dello scalo dei Renaioli ci sarà una postazione riservata ai disabile per consentire a tutti di godere appieno dello spettacolo.

Subito dopo i fuochi l’accensione sui lungarni di 10 sculture luminose dell’artista Marco Lodola, che si confrontano con il fantastico scenario della Luminaria e con il contesto del fiume. Le opere saranno posizionate su Ponte di Mezzo, vicino alla Chiesa della Spina, in piazza della Berlina, in piazza Mazzini e nei pressi del Museo di San Matteo. Rimarranno per una settimana fino al Gioco del Ponte.

La foto è tratta da infoggi.it

By