Lunedì 30 Maggio a La Città del Teatro “Una giornata particolare”

CASCINA – Lunedì 30 maggio la Città del Teatro di Cascina di Pisa ospiterà gli studenti del corso “Drammatizzazione di testi narrativi” tenuto dalla Direzione artistica de La città del teatro Donatella Diamanti, all’interno del Corso di Laurea in Storia e forme delle arti visive, dello spettacolo e dei nuovi media dell’Università di Pisa.

Gli studenti saranno coinvolti nella visita degli spazi della Città del Teatro (5.000 mq con 3 sale teatrali, 5 aule laboratorio, un centro studi, uno studio di registrazione, una foresteria, una sala costumi, un ristorante, un pub, due chapiteaux da circo, il museo del circo, un auditorium all’aperto, un laboratorio di scenotecnica), conoscerne la genesi e la sua trasformazione da ex fabbrica dismessa a luogo d’eccellenza nazionale, oggi Centro di Produzione riconosciuto dal MIBACT.

Un bene comune attivo tutto l’anno aperto ai cittadini e agli spettatori di tutte le generazioni a cui viene offerta una grande varietà di attività: dalle rassegne serali e domenicali alle produzioni teatrali, dai matinée per le scuole ai corsi di formazione per grandi e piccoli, dalla formazione professionale di alto livello e per insegnanti a luogo di convegni, eventi in esclusiva nazionale con un’attenzione particolare al disagio e progetti sui temi di genere.

La mattinata terminerà con un laboratorio di drammaturgia. Nel pomeriggio avrà luogo un laboratorio pratico (a cura di Fabrizio Cassanelli e Letizia Pardi) dal titolo “Rispecchiarsi nell’agire espressivo”, dove gli studenti proveranno in prima persona il valore dell’agire espressivo: un muoversi dinamico che si alimenta di relazioni, di emozioni e di narrazioni. Un assaggio di teatro per scoprire come i comportamenti verbali e non verbali siano veicoli per manifestare il proprio mondo interiore e per abitare lo spazio delle possibilità di trasformazione di sé.

Il laboratorio teatrale completerà una giornata dedicata alla particolarità del teatro e il suo lavoro creativo dentro e fuori la scena.

By