Lunedì la giornata contro l’abusivismo e la contraffazione promossa da Confcommercio

PISA – Si svolgerà lunedì 11 novembre, a partire dalle ore 10.30, presso l’auditorium Ricci della Camera di commercio di Pisa, la giornata di mobilitazione promossa da ConfcommercioPisa contro l’abusivismo e la contraffazione.

Denominata “Legalitàmipiace”, vedrà come protagonisti i rappresentanti delle istituzioni cittadine da un lato, con il vice-Prefetto Valerio Romeo, il vice-Questore Santoro, il Tenente Colonnello dei Carabinieri Gianni Fedeli, il Capitano della Guardia di Finanza Domenico Giovannacci, l’assessore del comune di Pisa David Gay, il comandante della Polizia Municipale Massimo Bortoluzzi, Giuliana Grison in rappresentanza della Camera di Commercio di Pisa; e dall’altro la platea degli imprenditori del commercio e dei servizi, rappresentata dagli interventi di dieci di loro, in rappresentanza di dieci settori particolarmente sensibili al fenomeno abusivismo: Alessandro Trolese, giovani imprenditori, Federica Grassini abbigliamento, Franco Palermo ambulanti, Daniela Petraglia ristoranti, Fabrizio Fontani litorale pisano, Massimo Rutinelli centro storico, Silvia Piccini guide turistiche, Francesco Voltini alberghi, Enrico Morgantini farmacie, David Lattanzi sicurezza. Che il fenomeno sia sentito dalle imprese, lo dimostra l’ultimo sondaggio di Confcommercio, in cui si evidenzia che l’82,4% delle imprese del terziario si sentono colpite dai meccanismi commerciali fuori dalle regole. Nella stessa indagine, emerge che il 75,3% ritiene che l’azione dell’illegalità generi in primo luogo concorrenza sleale e riduca i ricavi e i fatturati a causa delle mancate vendite. E proprio a causa di queste, il 13,6% delle imprese ha dichiarato di dover rinunciare ad assumere nuovi addetti. A presentare la giornata di lunedì è Federico Pieragnoli, direttore di Confcommercio Pisa: “In un contesto di crisi economica, a fronte di un sistema di regole e controlli sempre più stringenti e una tassazione sulle imprese regolari insostenibili, cancri sociali come l’abusivismo commerciale, la contraffazione e la concorrenza sleale non sono ormai più accettabili. Siamo consapevoli delle difficoltà, ma in questa battaglia per la legalità chiediamo che le istituzioni facciano fino in fondo la loro parte. La giornata di lunedì è il compimento ideale di un percorso di sensibilizzazione e denuncia, iniziato questa estate con la costituzione dei presidi anti-contraffazione neli punti più caldi della città, dal mercato di via Paparelli a piazza Belvedere”.

20131109-143604.jpg

By