Lungarno Mediceo: “Si sono dimenticati di noi!”

PISA – L’ultimo furto con scasso ai danni del Ristorante “ROMEO” è la punta di un iceberg di una situazione che nel tempo si è fatta via via più disastrosa.

“Chi di dovere si è addirittura dimenticato di Lungarno Mediceo” – denuncia senza mezzi termini il direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli – “ed è chiaro che le forti criticità sul fronte del decoro hanno un impatto e amplificano anche quelle relative alla sicurezza, come dimostra peraltro una lettera che alcuni titolari di esercizi pubblici e attività commerciali della zona hanno inviato lo scorso 28 marzo al Sindaco e al Comandante della Polizia Municipale. Rottura di vetrine di negozi e furti a negozi e alle auto sono all’ordine del giorno, così come la presenza di vicoli e locali abbandonati favoriscono attività illecite come lo spaccio e il consumo in loco di droga, in un contesto in cui vandalismo e degrado sono di casa, soprattutto di notte”.

Secondo Pieragnoli “in tema di sicurezza non solo come Associazione sosteniamo la domanda dei commercianti di attivare punti di videosorveglianza pubblici per prevenire e individuare atti illeciti e

ma intendiamo altresì puntellare e rafforzare allargando la richiesta alle forze dell’ordine per un serio controllo fisico e una più frequente presenza, consapevoli come siamo che “Romeo” non sarà purtroppo l’ultima delle vittime e che la rassegnazione finisca per trionfare definitivamente”.

“Senza illuminazione, come è il caso di Lungarno Mediceo dalla parte dei negozi, anche l’azione delle telecamere si rivelerebbe in ogni caso nulla, e questa è una grave e inaccettabile lacuna che occorre colmare urgentemente” – aggiunge Pieragnoli rivolgendosi all’amministrazione comunale, oltre a sottolineare come “anche lo stato del marciapiede, sconnesso e pericoloso, sia causa di cadute frequenti”.

Infine, un ultima richiesta riguarda i parcheggi: “Per consentire ai clienti di poter accedere un minimo più agevolmente a questi negozi, riteniamo logico, equo e sensato introdurre qualche stallo con sosta di cortesia per almeno un quarto d’ora ” – conclude Pieragnoli.

Loading Facebook Comments ...
By