M5S Pisa in piazza a fianco dei cittadini del centro storico: “Quelle della giunta sono soluzioni finte a problemi veri”

PISA – “È “Vendesi” il provocatorio nome della manifestazione organizzata sabato scorso dagli abitanti e dagli esercenti di Piazza Vettovaglie e delle vie limitrofe”.

“Esasperati dal degrado figlio di una movida mal gestita e dall’insicurezza in cui sono piombate intere zone del centro storico, molti concittadini hanno deciso di protestare contro la condizione di abbandono totale a cui si sentono condannati da tempo.

“Noi del MoVimento 5 Stelle Pisa scendiamo in piazza a fianco dei cittadini del centro storico, che meritano risposte serie e immediate da parte dell’Amministrazione” annuncia Alessandro Tolaini, Consigliere Comunale M5S. “A fronte dei roboanti proclami da campagna elettorale, questa Giunta non ha ottenuto risultati concreti nella lotta al degrado e alla micro-criminalità. È inutile approvare ordinanze spot e regolamenti draconiani per gli esercenti se poi non si provvede a far rispettare la legge. Anzi, non è solo inutile ma è addirittura dannoso: si impongono nuovi paletti, spesso assurdi, a chi già si mantiene nel perimetro della legalità, mentre chi è abituato a delinquere non cambia di una virgola i propri comportamenti.”

Rincara poi la dose Gabriele Amore, Capogruppo della delegazione consiliare del M5S: “Il Sindaco di fronte ai manifestanti ha mostrato di non aver alcuna visione per risolvere il problema. Non solo non ha affrontato problemi gravissimi come quelli legati alla sicurezza e allo spaccio, ma addirittura ha lanciato la proposta di spostare in un centro non ben definito tutte le attività legate alla movida serale. Un progetto campato per aria che, anche qualora fosse realizzabile, causerebbe un drammatico impoverimento economico e sociale del nostro centro storico.”

Conclude da ultimo Tolaini senza mezzi termini: “Insomma, è ridicolo riempirsi la bocca di chiacchiere sulla sicurezza in campagna elettorale quando poi si lascia che Via Notari rimanga un centro di spaccio a cielo aperto. Non è degno di un Paese civile e men che meno di un città come Pisa.”

By